OFFICINA DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

Officina di Architettura a Milano gli artigiani dello spazio

Archives 2021

Architettura organica progettisti organici modalità operative specifiche esempi

LA SFIDA DEL PROGETTO ORGANICO

Come già indicato nella HOME l’ architettura organica è la prerogativa di processo. Questo significa che il processo operativo si discosta dalla “prassi consueta” per alcuni passaggi fondamentali da comprendere. Il progetto nasce da sensazioni intuitive e da una fase di bozze euristiche, ma prima di questo , c’è una articolata analisi del contesto, che possa essere urbana o territoriale. Questo richiede anche verifiche sul posto  presso le autorità territoriali che non vi siano vincoli od ostacoli. Nel caso siano presenti vincoli od ostacoli questi vengono considerati non un problema ma una “risorsa” di progetto, con cui modificare il progetto al meglio.  Ad esempio se sul terreno c’è una quercia gigante e non può essere tagliata, si farà in modo che la casa possa entrare in simbiosi con tale quercia e non rappresentare un pericolo per la casa, e determinarne il miglioramento vitale. Perché ? lo vedremo fra poco.

LE INDICAZIONI DI GRANDI ARCHITETTI PER COMPRENDERE MEGLIO DI COSA SI TRATTA

Per chi sta chiedendo un progetto da noi, c’è forse una difficoltà a comprendere questo titolo ma lo semplifichiamo subito.  Il giornalista architetto Bruno Zevi , aveva spiegato anche con alcuni esempi realizzati tutto il lavoro fatto precedentemente da chi aveva impostato questo modo di sviluppare la progettazione di case. Il lavoro principale del progettista è fare case, nulla di più. Ci sono progettisti che si occupano di mega strutture, ma la migliore progettazione si misura sulla vita delle persone.

Cosa diceva Bruno Zevi a proposito dei progetti?  nel libro” ARCHITETTURA IN NUCE”  ( libro che vedete in foto che possiedo)  ci sono alcune descrizioni che possiamo riportare per poi invitarvi alla lettura.

 

 

Nel considerare la parola Architettura da parte del critico Bruno Zevi ( +2000 ) possiamo comprendere poi il ragionamento che ci consente di estrapolare il concetto di progettazione organica, utile a chi vuole seguirci ed incaricarci di fare un lavoro.

 

Vitruvio , prima le sue fonti greche, impiantarono le loro speculazioni e definizioni dell’architettura che  << nascitur ex fabrica et ratiocinatione, cioè da una capacità tecnica congiunta alla consapevolezza teorica.  Un rapido quadro terminologico mostra del resto , che nelle varie lingue le parole detonanti  l’attività dell’architetto, accentuano ora l’aspetto pratico tecnico, ora quello artistico.  Nell’antico irlandese “Cunutgim” << io costruisco>>, probabilmente risalente alla base arioeuropea, dheigh, da cui derivano anche il sanscrito dehemi , foggio ed il latino “fingo”, <<modello>> è da scorgere una certa accentuazione dell’aspetto artistico, mentre quello manuale è sottolineato nel gallese “adeiladu” connesso etimologicamente al latino “plectere” denotante in origine   l'<<intrecciare>> rami per edificare capanne, cosi come nel francese moderno  “batir” derivato dal germanico “bastjan”, <<intrecciare cortecce>>. Il moderno irlandese <<foirghnighim>> insiste invece sulla caratteristica del fare.

Queste prime indicazioni di ZEVI sono sufficienti per dimostrare l’origine della progettazione organica. Il suo principale inventore fu Frank Lloyd Wright,  originario per famiglia da quelle terre, specie nella zona del Galles; tale tradizione del fare si accosta ai processi naturali, per intuizione e per capacità innata. Significa che tale procedura di progetto non può essere fatta da tutti; ergo non è sufficiente un titolo di studio ma occorre sapere  fare questa “architettura” dimostrandolo nella modalità di progetto e dimostrandolo anche in minima parte nei fatti; In pratica non posso pretendere che un progetto venga definito organico se vado a “sbancare” un terreno o pezzo di collina per farci stare la mia casa, non è quello il metodo;  Tutti i progetti organici riflettono la configurazione del contesto naturale, non viene snaturato.

ESEMPIO :

Nel progetto e realizzazione della casa “House for Roland Reisley  USONIA II Pleasantville – New York – 1951, il progettista organico Frank Lloyd Wright, non ha effettuato alcun sbancamento di terra, ha semplicemente individuando  la porzione di terreno migliore nella proprietà terriera del cliente, inserendo tutto nell’utopia USONIA II. Per cui  chi vi vende  progetti organici e poi vi dice che deve fare sbancamenti , ha già fallito è sta falsificando la progettazione organica, informatevi da noi ed andate sul sicuro.

ville singole in contesti naturali

ville singole in contesti naturali

 

Chiaro è che la progettazione in questa sezione del sito si concentra sulla casa singola o villa singola; prima di iniziare qualsiasi progetto bisogna mettersi d’accordo su cosa significa casa e cosa significa ” villa”; Intuibile è che il termine casa comprenda un campo di azione più  vasto; mentre  il termina villa richiama intuitivamente un manufatto più esclusivo, considerabile come entità di lusso. Ecco “archiram progetti è una entità che progetta “entità abitative”; dove sta la differenza con l’ufficio tecnico?  la specificità tecnica, potete rintracciarla sul web su milioni di esemplari. L’entità progettuale ha caratteristiche composte da più strutture pianificatorie, cui passa un progetto prima di compiersi   o una volta compiuto è rintracciabile in tutta l’entità spesso composta da più siti internet.  Si tratta di una entità qualcosa che influenza altre realtà e divenire come  la realtà originaria. Ci sono altri web che portano il nostro nome, ma diciamo che l’originale è il nostro; tolte le dovute differenze, qui la progettazione della casa singola si fonda su specifiche caratteristiche. Ma andiamo alle caratteristiche della distribuzione, generica in mappa di un progetto integrato.

 

 

Progetti di ville singole Galleria 1/10

progetti di ville singole moderne

ville singole moderne

Musica consigliata

 

Archiram progetti si occupa di progetti  di ville singole, attraverso i suoi professionisti con regolare abilitazione professionale; all’interno degli uffici  molti progetti vengono ideati dal designer Alberto Mei Rossi.

Come funziona il  servizio?

  1. Archiram progetti non  è uno studio di architettura ma  un sito internet
  2. Gli architetti associati al sito internet sono diverse unità e diversi sono gli studi di progettazione.
  3. La localizzazione è in provincia di Milano – Chicago Roma NY Con agenzia legale che si trova negli Stati Uniti

Si tratta di studi tecnici di progettazione che ricevono l’incarico da chi vuole fare un progetto sulle   idee che  esponiamo ed elaboriamo, liberamente; i desiderata del cliente vengono  sempre rispettati; Nel prossimo articolo spiegheremo dettagliatamente le procedure e le topologie-e tipologie  di progetti in corso.

4) Fatta questa precisazione andiamo al link form , se avete bisogno di un progetto potete scrivere su https://www.archiram.com/info

compilate il modulo e verrete ricontattati dal mio agente legale che vi spiegherà come funzionano i progetti in Italia e negli Stati Uniti;  la mail del  nostro agente legale vi verrà fornita solo dopo che vi sarete iscritti al servizio . Non ci sono altri siti con cui si espongono le procedure di progetto archiram il sito attendibile su cui potete valutare i progetti è HTTPS://www.archiram.com e gli altri siti connessi con noi , altre “presenze” sulla rete che raccontano di procedure diverse non sono attendibili perchè non riconducibili al dominio ufficiale archiram.

 

 

 

IL GRANDE RESET – LA GRANDE CIOFECA – IL GRANDE SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE

IL GRANDE RESET – IL GRANDE SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE

 

1)Dopo aver visualizzato una spiegazione esauriente  da una fonte sicura certa e credibile ( i cui dati si inseriranno a completamento dell’analisi ) sono giunto alla conclusione che il grande reset è il GRANDE SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE;

 DRUIDISMO

2) Il druidismo si fonda sull’AWEN   la concezione druidica che nasce in parallelo a Stonehenge, si fonda sulla cultura celtica ; non molto lontano dalla visione essenica di Cristo che non dimentichiamo è stato raffigurato come un druido dalla cultura occidentale; l’integrazione paesistica con la natura si fonda sulla cultura dei pastori unitariani di cui uno dei figli ancestrali fu Frank Lloyd Wright che già nel 1910-36-50-59 aveva strutturato il modello evolutivo del sistema sociale progettando e parzialmente realizzando l’ideale di Broadacre -city nell’ambito del progetto ideale Living City;

DEVIAZIONE DAL GRANDE PROGETTO ORIGINARIO

3) in pratica la sintesi di questo grande specchietto per le allodole non è altro che la deviazione dal progetto originario di Wright proprio per non farlo; il grande Reset lo dice la parola stessa è uno strumento per impedire Broadacre City che io ho citato in una conferenza internazionale nel 2015, dove ho introdotto il modello dell’equazione conica nello studio e nello sviluppo dell’urbanistica; sia i soggetti di Davos che tutti i “personaggetti mediocri” ( hanno solo dei capitali ma zucche totalmente vuote) ed anche tutti gli altri piccoli visionari inutili, hanno in mente un progetto già obsoleto rispetto alla visione territoriale organica già strutturata nel 1910 e negli anni 40.

VERITA SULL’ORIGINALITA’ DELLE IDEE 

Parliamo di molto prima della prima e della seconda guerra mondiale. Fino ad ora gli è andata bene per via di questa “pandemia”; possono incantare studenti, giovani  venticinquenni,  inermi spiritualmente e non capaci di distinguere il significato della parola Awen  da altre terminologie tecniche,   ma non chi conosce i progetti visionari e li affronta da anni. Usano “il retaggio spirituale ” per sottrarre attenzione e creare un grande specchietto per le allodole; la verità è che NEW YORK come altre città continueranno la loro normale stratificazione nei decenni successivi e chi non cade in queste manfrine andrà avanti a fare soldi come prima.

Leggete qualcosa su Frank Lloyd Wright e capirete che sto grande reset è obsoleto ed è una visione ideologica polverosa e fatta in modo deterministico ed anche prevedibilmente stupida.

 

 

il grande reset da wall street al druidismo

Il grande reset, uno specchietto per le allodole per fessi

 

 

I have come to the conclusion that the big reset is the BIG LODGE MIRROR; Druidism is based on AWEN I know this because in 2011 I met some druids including “water-diviners; the druidic conception that was born in parallel to Stonehenge, is based on Celtic culture; not very far from the Essene vision of Christ that we do not forget was portrayed as a druid by Western culture; the landscape integration with nature is based on the culture of the Unitarian shepherds of which one of the ancestral sons was Frank Lloyd Wright who already in 1910-36-50-59 had structured the evolutionary model of the social system by designing and partially realizing the ideal of Broadacre-city in the context of the ideal Living City project;

in practice, the relationship of this great decoy

in practice, the relationship of this great decoy is nothing more than the deviation from Wright’s original project precisely because do it; the great Reset says the word itself is a tool to prevent Broadacre city that I mentioned in an international conference in 2015, where h o introduced the model of the conic equation in the study and development of urban planning; both the subjects of Davos and all the “mediocre little characters” (they only have capital but totally empty pumpkins) and also all the other small useless visionaries, have in mind a project that is already obsolete compared to the organic territorial vision already structured in 1910 and over the years 40 and we are talking about long before the first and second world wars. Up to now it has gone well with this “pandemic”; they can charm students, young 25 year olds who are spiritually defenseless and unable to distinguish the meaning of the word Awen but not those who know visionary projects and have been dealing with them for years. They use “the spiritual legacy” to draw attention and create a big red herring; the truth is that NEW YORK, like other cities, will continue their normal stratification in the following decades and whoever does not fall into these problems will continue to make money as before. Read something about Frank Lloyd Wright and you will understand that this big reset is obsolete and is a dusty ideological vision made in a deterministic and predictably stupid way.