OFFICINA DI PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA

Officina di Architettura a Milano gli artigiani dello spazio

Archives 2020

Progetti alternativi per le case tendenze arredamento

futuro sostenibile

Progetti case alternative sostenibili

PROGETTI ALTERNATIVI PER LE CASE  (PAC): alternative home projects (AHP)

ll progetto di archiram progetti     definito anche Alternative home project (AHP)  consta di un  documento informatore di un protocollo e di un manifesto che funziona come “pietra filosofale” od obiettivo finale. (End Mission). Dopo avere visto  come le società immobiliari siano ancora ferme su posizioni obsolete abbiamo deciso di avviare un nuovo processo operativo.

  1. Progetti alternativi case : ambienti/soggiorni/cucine/bagni/lo studio/ufficio in casa/camere/camere ospiti/
  2. PAC con tendenze/colori/materiali/open/altezze/vintage/cinema/geometrie/
  3. PAC sul futuro sostenibile: Abbattimento dei tempi e dei costi e mantenimento nel tempo dell’usabilità del sistema casa.

 

FASI DI COMPRENSIONE DEI PROGETTI ALTERNATIVI: DOVE COME QUANDO E PERCHE’

a) Per sviluppare un progetto alternativo, occorrono una serie di parametri funzionanti oltre ad aver individuato le risorse e gli elementi corretti perché in questo modo potete scegliere di volta in volta le caratteristiche di una parte del progetto, ad esempio la “spaziosità” . Se avete una casa totalmente vuota ciò accade perché spesso è nuova  e si presume  sia stata costruita da poco; questo aspetto riguarda gli spazi interni. La cosa è diversa se avete un terreno nuovo , perché:
b) Se  avete un terreno libero e state cercando un progetto alternativo il procedimento è diverso.  Siete, in questo caso nel sito web giusto. Le modalità di progetto sono diverse dal solito perché  prima di vedersi è possibile fare una tele conferenza house-house o house-office (casa-casa, casa-ufficio).

 

FASE CHIAVE DI PROGETTO ASPETTI FONDAMENTALI DIFFERENZE

c) Il punto chiave per lo sviluppo di un progetto alternativo nasce dalla predisposizione di chi ci contatta a individuare una forma “intelligente” per la propria casa. Di conseguenza  gli aspetti configurazionali sono fondati su parametri intelligenti come  il “risparmio energetico”, l’efficienza energetica e anche l’efficienza degli impianti, non che  nell’efficienza degli spazi e  l’integrabilità con la contestualizzazione naturalistica.
d) Un aspetto fondamentale è il fatto di predisporsi nell’accettare l’idea di fare qualcosa che ancora non è stata fatta, altrimenti non è alternativa ma una “replica“. La grande differenza tra la novità e la ripetitività sta proprio là. Se qualcuno cerca un idea alternativa e poi mi sottopone un immagine dicendo: ecco voglio una alternativa come questa: xyz etc..  è probabile che non  abbia  capito la situazione.
e) Il progetto alternativo in cosa si differenzia dai progetti di case concepite nel rinascimento o nell’800? Le differenze sono enormi. Intanto occorre precisare che anche le case costruite nel ‘900 fanno parte di quella grande concezione obsoleta ormai da secoli che è il rinascimento. Il rinascimento non fu altro che la ripresa di tutte le arti antiche e nello specifico modo gli architetti riprendevano a scopiazzare dai fasti di Roma. Nessuna alternativa nessuna novità.

ESEMPI STORICI – IDEE INNOVATIVE – IL PARAMETRO DEL TEMPO

f) Specificato questo fatto, per trovare una alternativa, dobbiamo fare degli esempi storici. Il liberty fu una alternativa quanto reazione al neoclassicismo; il manierismo fu il primo tentativo di rimozione degli stili “rinascimentali”; il barocco fu il primo allontanamento dalle geometrie standard per poter utilizzare geometrie più curvilinee e complesse, quindi una alternativa alle gemeotrie rinascimentali. Il Gotico fu la prima alternativa forte rispetto all’architettura romana. Per questo dico che chi difende la demolizione di una chiesa neoromanica ritengo sia uno stolto ignorante in materia architetturale. La reazione al Liberty fu il ripristino di geometrie secche ma senza “gli stili”.
g) Dopo queste premesse concettuali andiamo al punto: il progetto alternativo nasce da idee innovative rispetto ai nuovi bisogni e necessità. Le case costruite all’inizio dell’800 consideravano la cantina e non il box auto, nel 900 una casa comprendeva anche il box auto e lo spazio per accedervi. Tuttavia nelle case dell’800 potevano esserci i box per i cavalli e le stalle, il cui spazio occupato era più o meno il medesimo, di conseguenza il box auto non fu una vera alternativa per chi “abitava” in città o fuori. Ecco che occorre distinguere le vere alternative dalle false alternative, quelle che vi vendono come novità spesso non lo sono o sono repliche.
h) Uno spazio abitativo alternativo, deve avere una serie di caratteristiche compattate tutte nello stesso ambiente e nello stesso terreno. Parte delle caratteristiche si fonda sul parametro del tempo o temporalità. Quanto tempo impiegate al mattino per uscire di casa, e  andare al lavoro o in un viaggio? le tempistiche sono molte alte, perché dovete : 1) trovare le chiavi di casa 2) trovare le chiavi dell’auto o modo 3) trovare il portafoglio, e tutta una serie di altre cose 4) poi recarvi in box o posto auto che di solito non è integrato nell’abitazione.

 

GLI ACCESSI – PROPRIETA O CONTROLLO – PIETRA FILOSOFALE

I) La casa di abitazione non può più avere il classico portoncino interno e portoncino esterno ma dovrà vivere su due bussole di ingresso veloci. Per farla breve , gli accessi dovranno essere alla star trek. L’idea stessa di porta è ormai obsoleta anche oggi. A parte le ap per accendere l’auto elettrica che ci attenderà per 5 munuti nel car port integrato nell’abitazione e ci consentirà di uscire in stile batman. Continuiamo a vedere “condomini venduti come realtà innovativa che non fanno alcuna differenza con il passato. I nostri progetti non lo sono e costano anche il 30% in meno.

Qui sotto vedete alcuni esempi i cui dettagli sono esposti nella sezione abbonati ed iscritti. L’evoluzione delle case anche in funzione della sicurezza , verterà anche sull’uso di droni che faranno la spesa in modo autonomo, in base allo stile alimentare del soggetto, o in base alla dieta pre-impostata nel programma. Frigo e dispensa sarà collegato con i depositi di merce; i supermercati con le persone in coda oggi sono uno spreco di tempo e spazio; la gente avrà bisogno di ritrovarsi? concerti piazze e negozi tradizionali saranno sempre presenti ma non possiamo più permetterci di perdere dalle 3 alle 4 ore a settimana per la banale spesa” Saranno i sistemi di accesso.
k) Cosa trovate oggi nelle riviste? le solite case con le porte e i box separati dall’abitazione o condomini la cui novità sono alberelli e spazi verdi cui è impossibile mettere le mani; si tratta di progetti ridicoli dove la proprietà è più importante del contatto con la natura;  si  chiama “filosofia della stupidità arcaica”.
l) La vera pietra filosofale dell’architettura alternativa è il parametro del tempo; tempo risparmiato. Un chip ap sul telefonino aprirà il cancello in base al nostro passaggio nella bussola, se usciamo a piedi , viceversa se usciamo con “l’auto” o il drone la bussola sarà posizionata su un altro lato della casa.
m) La sperimentazione progettuale è in corso dal 2017, nel nostro profilo IG potrete vedere i progetti in corso sparsi tra le foto, sta a voi scoprire dove come e quando e cosa stiamo elaborando; il 90% dei progetti è su pc separato dalla rete e su sistema operativo open sourge e separato da internet.

 

Musica consigliata :

 

Link esterni utili : COnsiderando il progetto altertnativo sul parametro della sostenibilita ecologico-economica.

https://it.wikipedia.org/wiki/Architettura_sostenibile

 

link correlati interni :

Home page ( che introduce l’esperienza delle progettazione organica )

Studi di architettura a Milano ed interior design Tendenze e novità.

Case eco sostenibili in bio edilizia ed efficienza energetica

 

English text  -abstract –  AHP PROJECT –  Altgernative Home Project –

a) To develop an alternative project, a series of working parameters are needed as well as having identified the correct resources and elements. If you have a totally empty house it is assumed to be new and it is assumed that it has been recently built; this aspect concerns the interior spaces.
b) If you have free land and are looking for an alternative project, you are on the right website. The design methods are different from usual. In the meantime, before seeing each other, it is possible to have a house-house or house-office tele conference (home-home, home-office).
c) The key point for the development of an alternative project arises from the predisposition of those who contact us to identify an “intelligent” shape for their home. Today the configurational aspects are based on energy saving, energy efficiency and plant efficiency, as well as in the efficiency of spaces and integration with the naturalistic context.

d) A fundamental aspect is the fact of preparing oneself to accept the idea of ​​doing something that has not yet been done, otherwise it is not an alternative but a “reply”. The big difference between novelty and repetitiveness lies precisely there. If someone looks for an alternative idea and then submits an image to me saying: here I want an alternative like this !, it is likely that they have not understood the situation.
e) How does the alternative project differ from the projects of houses conceived in the Renaissance or in the 19th century? the differences are enormous. Meanwhile, it should be noted that even the houses built in the 1900s are part of that great concept that has been obsolete for centuries which is the Renaissance. The Renaissance was nothing more than the revival of all the ancient arts and in the specific way the architects resumed to copy from the glories of Rome. No alternative no news.

f) Having specified this fact, to find an alternative, we must make historical examples. Liberty was an alternative as much as a reaction to neo-classicism; Mannerism was the first attempt to remove “Renaissance” styles; the baroque was the first departure from standard geometries to be able to use more curvilinear and complex geometries, therefore an alternative to Renaissance gemeotrie. The Gothic was the first strong alternative to Roman architecture. This is why I say that anyone who defends the demolition of a neo-Romanesque church is a fool who is ignorant of architecture. The reaction to Liberty was the restoration of dry geometries but without “styles”.

g) After these conceptual premises, let’s get to the point: the alternative project arises from innovative ideas with respect to new needs and requirements. The houses built at the beginning of the 19th century considered the cellar and not the garage, in the 900 a house also included the garage and the space to access it. However, in the houses of the 19th century there could be boxes for horses and stables, whose occupied space was more or less the same, consequently the garage was not a real alternative for those who “lived” in the city or outside. Here it is necessary to distinguish the real alternatives from the false alternatives, those that sell you as novelties are often not or are replicas.

h) An alternative living space must have a series of compacted features all in the same environment and on the same ground. Part of the characteristics are based on the parameter of time or temporality. How long does it take in the morning to leave the house, to go to work or on a trip? the timing is very high, because you have to: 1) find the house keys 2) find the car keys or way 3) find the wallet, and a whole series of other things 4) then go to the garage or parking space that it is usually not integrated into the dwelling.

i) The dwelling house can no longer have the classic internal door and external door but will have to live on two fast entrance doors. In short, the accesses must be to the star trek. The very idea of ​​a door is now obsolete even today. Apart from the ap to turn on the electric car that will wait for us for 5 minutes in the car port integrated into the house and will allow us to go out in batman style. We continue to see “condominiums sold as an innovative reality that make no difference with the past. Our projects are not and cost 30% less. Below you see some examples whose details are shown in the subscribers and subscribers section. ‘evolution of the houses also in terms of safety, will also focus on the use of drones that will do the shopping autonomously, according to the food style of the subject, or according to the diet pre-set in the program. Fridge and pantry will be connected with warehouses; supermarkets with people in line today are a waste of time and space; will people need to meet? concerts, squares and traditional shops will always be present but we can no longer afford to lose 3 to 4 hours a week for the trivial expense “It will be the access systems.

k) What do you find in magazines today? the usual houses with doors and boxes separated from the dwelling or condominiums whose novelty are small trees and vertical spaces which it is impossible to get your hands on; these are ridiculous projects where ownership is more important than contact with nature; he calls it the philosophy of archaic stupidity.

l) The true philosopher’s stone of alternative architecture is the parameter of time; time saved. An ap chip on the mobile will open the gate according to our passage in the compass, if we go out on foot, vice versa if we go out with the “car” or the drone the compass will be positioned on another side of the house.

m) The design experimentation has been ongoing since 2017, in our IG profile you will be able to see the ongoing projects scattered among the photos, it is up to you to find out where, how and when and what we are processing; 90% of the projects are on a PC separated from the network and on an open source operating system separated from the internet.

 

 

 

 

 

 

Farm House, tradizione moderna americana. Case agricole evolute. C.A.E. Italia

 Farm House , tradizione moderna americana. Case agricole evolute. C.A.E.

Tra gli esempi di  realizzazione di farm house case agricole evolute, ne troviamo una dall’interessante retroscena storico. La suddivisione per punti, serve a farvi capire da dove nascono determinati progetti e processi operativi. Non certamente dal nulla. Ci sono in giro oggi architetti che  vendono come loro delle idee che in realtà sono nate molto prima. Onestà intellettuale vuole che specifiche cose vengano dette.

PRELUDIO DI COMPRENSIONE

1 – Questa è l’ occasione per capire cosa è accaduto 100 anni prima nel 1920. Il movimento moderno guidato da Frank Lloyd Wright il padre dell’architettura nel 1910, venne in Italia a ispirarsi presso la città di Fiesole. L’ effetto fu la rivoluzione dell’ architettura moderna che sta ancora  influendo sulla progettazione contemporanea. https://it.wikipedia.org/wiki/Movimento_Moderno

2 – La prima farm house della storia possiamo dire che fu il modello concettuale del Colombarone di cui c’è un esempio    presso Vigevano, in frazione Sforzesca, ho avuto un ufficio da quelle parti dal 1993 al 2014.

3 – Per tornare alla contemporaneità e al movimento moderno, citiamo un progetto interessante, presente nel libro ” la città vivente” ( the living city).

EVOLUZIONE DEL CONCETTO

4 – Frank Lloyd Wright  fu l’autore di quel libro, che nelle aree d’ immagine inizia con una frase  apocalittica: ” dove è il cittadino? Nella città le persone scompaiono, se lo sguardo è in lontananza. Visione critica wrightiana per portare acqua giustamente al suo mulino di costruttore di case isolate nella natura. Ma era il 1958 egli aveva 89 anni, quindi aveva già fatto tutto. E allora?

5 – Dopo questo appunto critico andiamo a vedere l’ interessante progetto di Wright, che nessuno ha mai citato in nessun giornale quotidiano, dopo il 1958 specie in Italia.

6 – Si tratta del progetto dell’azienda agricola unificata , a prova d’ incendio. Un modello per fattorie di limitata estensione. Già il fatto di scrivere  “a prova d’ incendio” in quei tempi ( libro edito nel 1958 ) tracciava la comprensione delle capacità predittive di Wright. Noi oggi osserviamo con attenzione l’ ecatombe che sta accadendo in California ed in Australia.

7   Cito da uno dei capitoli del testo:

Soltanto l’ essenza vive, solo l’ essenza può riprodursi, questa è la ragione per cui l’ accentramento capitalista delle città, non è più l’ espansione dell’ umana capacità, ma una contraddizione fatale di struttura e quindi una “costrizione”. Questa contraddizione innata va aumentando, è una pressione innaturale che manca di un proprio principio interiore di espansione; ne alcuna autentica, integrità interiore è possibile al suo carattere. La multiforme, efficienza del nostro cosiddetto sistema finanziario, troppo urbano troppo intricato, in superficie e artificioso per poter funzionare per il bene dell’ umanità democratica. Il nostro sistema finanziario è una involuzione  incapace di una vera evoluzione. Può solamente sottrarre , sommare, moltiplicare e dividere – specialmente dividere”

Op citata ” The Living City”  ( La città Vivente ) Frank Lloyd Wright – ed 1958 –

[c] 1958 Frank Lloyd Wright – Horizon Press, New York –

[c] Giulio Einaudi editore s.p.a. Torino , traduzione di Enrica Labò

Con  introduzione di Bruno Zevi.

  • Sembra , veramente ieri.

Link sponsorizzato su IG . L’ immagine che segue ha un testo parafrasato sempre dal libro di Frank Lloyd Wright che è estremamente attuale, visti gli sconvolgimenti mondiali in corso…

 

per chi vuole saperne di più, può andare alla nostra pagina contatti e seguire i post successivi con i dettagli di progetto www.archiram.com/info
LINK IN BIO   https://www.archiram.com/info  Una casa in collina, può offrire un potenziale notevole per riduzione di co2 nell’aria. L’uso delle biomassecon sistemi di filtraggio avanzati, possono generare, risultati
straordinari, seguiteci siamo all’inizio del prcesso di progettazione.

A house in the hills can offer potential notable for the reduction of co2 in the air. The use of biomass with filter systems advanced, they can generate results extraordinary, follow us we are at the beginning of the process
design.
for business requests: progetti@archiram.net
https://www.archiram.com/info
if you need a project.
streaming https://www.twitch.tv/LAancyllot

#farmhouse #farmhousestyle #farmhousedecor #farmhousechic #farmhousekitchen #farmhousetable #farmhousechristmas
#LowCarbon #lowcarboneconomy #lowcarbonhealthcare #lowcarboncity #lowcarbonfootprint #LowCarbonSociety

 

 

Protetto: Memorie medievali Vigevano Un progetto integrale Sforzinda 2020 X abbonati

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Architettura d’interni interior design modifiche strutturali importanti

ARCHITETTURA D’INTERNI   INTERIOR DESIGN  ,MODIFICHE STRUTTURALI IMPORTANTI IMPREVISTE

MODIFICHE STRUTTURALI IMPREVISTE

  1. Nell’architettura d’interni, le modifiche strutturali importanti possono saltare fuori in base a decisioni prese dopo cambiamenti a livello legislativo perchè possono verificarsi cambiamenti socio economici imprevedibili.  Sono sufficienti 3 settimane di cambiamenti per pensare a modifiche , perchè in questo modo   queste sono finanziabili da iniziative di tipo governativo per incentivare l’azione di imprese. 

NORME INSTABILI MA GOVERNABILI 

2) L’ attuale Governo Conte sia pure nei suoi limiti e criticità , sta attuando sforzi per attivare vantaggi sia ad imprese che professionisti ma i vantaggi ricadranno nel medio periodo verso proprietari di abitazione. Avremmo preferito meglio, ma , devo dire pensavamo peggio.

 

LA SOSTENIBILITA’ HA UNO SPETTRO VARIABILE.

3) In questa sezioine dll’area di progetto si attiva L’ eco bonus già descritto nella sua fase iniziale, perchè qui, tutto può condurre dei vantaggi e delle modifiche più importanti in quanto   l’assetto dell’edificio è migliorabile anche  nella “sostenibilità economica ed energetica.

4) Nel video descrittivo che andiamo a esporre, viene descritto l’ innesto del tetto per sommi capi, dove si rimanda ai dettagli nella descrizione successiva.

5) Nella progettazione la natura ” deve ispirare ogni creazione” come disse John Ruskin, ma prima di arrivare allo sviluppo del progetto nella sua fase avanzata, occorre capire il processo operativo:

a)  Bozza di massima con le ipotesi di cambiamento

b) Potenziamento del rapporto “interno-esterno” ( architettura organica )

c) Osservazione e rilievo della natura circostante

d) Rilievo di perfezionamento e modifiche  definitive

e) INdividuare lo scopo del progetto

f) Esplorare il potenziale degli spazi esterni.

g) Quantificare i costi principali e le modifiche strutturali più importanti

n) n. punti successivi che si manifestano nella contrattazione di capitolato con l’ impresa.

6) Variazioni degli elementi di progetto: Il tetto; gli ambienti portanti; le aree di accesso; Modifiche relative alla coibentazione termica, sugli infissi e sulle masse verticali.

In conclusione diciamo che  ogni articolo descrive un progetto pilota ( drive plan )  che servirà per dare esempi su come effettuare al meglio una ristrutturazione  e potrebbe essere utile all’impresa per definire preventivi credibili . In  ultima analisi  per comprendere  cosa non funziona e cosa funziona perfettamente è necessario risolvere un problema alla volta e poi ricomporre il progetto.

 

VIDEO : https://youtu.be/SeziMoWjaJM

 

Altri riferimenti  https://www.archiram.com/2020/05/

 

Architettura d’interni a Milano, cucina area pranzo camino

Architettura d’interni a Milano, cucina area pranzo camino.
Premessa : forma materia e spazio

L’ architettura d’ interni fa parte di un progetto più integrale, di un edificio interno. Non è mai una cosa sganciata dal contesto. L’ uso della forma e dei materiali è in concordanza armonica con il contesto, anche se negli spazi interni, si possono modificare alcune regole. Tuttavia gli elementi dell’intero spazio devono essere, in concordanza con l’esterno.

VIDEO SU YT

 

Cose da non fare.

Un esempio distonico ad esempio è un edifici  costruito in città con tanti alberi posti sopra, in un contesto dove gli alberi non esistono, cosi per armonizzare il progetto al contesto  spesso creano un parco fittizio. Tutto molto interessante perchè si forza il contesto ma poi per il resto della città vale lo stesso scempio di sempre. Un modus operante, abbastanza inutile, se si considera l’intera configurazione urbana.

 

Revisione del sistema di coibentazione.

Nel video che propongo, descrivo il momento della modifica di alcune parti di una  vecchia veranda che fu “volumizzata” e chiusa.   Sicuramente manterremo il tipo di infisso, in vetro con telaio sottile. Per avere una corretta coibentazione integrata con la cappottatura ed il tetto ventilato, utilizzeremo un dispositivo adesivo che andrà sul vetro.

 

Gli elementi 

Il modulo cottura è un normale smeg senza pretese, per ora. Possiamo poi pensare all’ inserimento, di un blocco cottura ad induzione. L’ inserimento è laterale, al di sotto di una finestra che sostituisce una porta di ingresso di fatto inutilizzata e che quindi diverrebbe inutile.

Il modulo lavandino è stato inserito con un rubinetto basso e a cascata, di materiale metallico ( acciaio ) che consente l’ apertura degli infissi verso l’ interno, nel caso in cui non si potesse modificare l’ andamento ed il verso dell’ infisso all’ esterno (  come viene fatto negli Usa ).

Colore : prime scelte

La colorazione dei muri è impostata sugli stucchi veneziani , con l’attuale scelta tra pastello, gloss lucido e materico. Il colore dell’area ” giorno” è orientato verso ocra, giallo , e giallo mostarda.

#studio #architettura #interni #Milano

 

 

ECO-BONUS Governo ECOBONUS,

ECO BONUS GOVERNO  #ecobonus analisi progetti 1/10
eco bonus governo 2020 .

Scaricate  l’intero decreto “rilancio”.. . qui dl_rilancio_quifinanzapdf

 

Informazioni commerciali :

Eco-Bonus, governo. L’attuale governo ha messo a disposizione un eco-bonus, interessante. L’emergenza corona virus ha fatto accelerare il processo, che pensiamo fosse già previsto dall’area “populista” del governo , quella  del M5S. Abbiamo scaricato il documento per metterlo a disposizione di chi volesse trarne vantaggio.  Nel video di sabato 16/5/2020, spieghiamo per sommi capi come funziona l’eco-bonus, seguiranno altri video descrittivi e previsionali.

Testo esteso  – Nel decreto rilancio  DL è previsto nell’articolo 128 quello che viene definito  ECO-BONUS.

Art.128
Incentivi per efficientamento energetico, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di
veicoli elettrici.
1. La detrazione di cui all’articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con
modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, si applica nella misura del 110 per cento, per
le spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 e fino
al 31 dicembre 2021, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo,
nei seguenti casi:

a) interventi di isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che
interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della
superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo. La detrazione di cui alla presente
lettera è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a euro
60.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.
I materiali isolanti utilizzati devono rispettare i criteri ambientali minimi di cui al
decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare 11 ottobre
2017, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 6 novembre 2017.

b) interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di
climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il
raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza
almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n.
811/2013 della Commissione del 18 febbraio 2013, a pompa di calore, ivi inclusi gli
impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici di
cui al comma 5 e relativi sistemi di accumulo di cui al comma 6, ovvero con impianti
di microcogenerazione. La detrazione di cui alla presente lettera è calcolata su un
ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 moltiplicato per il
numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio ed è riconosciuta anche
per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito;

c) interventi sugli edifici unifamiliari per la sostituzione degli impianti di
climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento
o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi
o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici di cui al comma
5 e relativi sistemi di accumulo di cui al comma 6, ovvero con impianti di
microcogenerazione. La detrazione di cui alla presente lettera è calcolata su un
ammontare complessivo delle spese non superiore a euro 30.000 ed è riconosciuta
anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.

2. L’aliquota prevista al comma 1 si applica anche a tutti gli altri interventi di efficientamento
energetico di cui all’articolo 14 del citato decreto-legge n. 63 del 2013, convertito, con
modificazioni, dalla legge n. 90 del 2013, nei limiti di spesa previsti per ciascun intervento di
efficientamento energetico previsti dalla legislazione vigente e a condizione che siano
eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi di cui al comma 1.

3. Ai fini dell’accesso alla detrazione, gli interventi di cui ai commi 1 e 2 rispettano i requisiti
minimi previsti dai decreti di cui al comma 3-ter dell’articolo 14 del decreto-legge 4 giugno
2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, da adottare entro
trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto. e, nel loro complesso,

devono assicurare, anche congiuntamente agli interventi di cui ai commi 5 e 6, il
miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio, ovvero se non possibile, il
conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante l’attestato di
prestazione energetica (A.P.E), di cui all’articolo 6 del decreto legislativo 19 agosto 2005, n.
192, ante e post intervento, rilasciato da tecnico abilitato nella forma della dichiarazione
asseverata.
4. Per gli interventi di cui ai commi 1-bis, 1-quater, 1-quinquies e 1-septies dell’articolo 16
del decreto-legge n. 63 del 2013, l’aliquota delle detrazioni spettanti è elevata al 110 per cento
per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Per gli interventi di cui al
primo periodo, in caso di cessione del corrispondente credito ad un’impresa di assicurazione e
di contestuale stipula di una polizza che copre il rischio di eventi calamitosi, la detrazione
prevista nell’articolo 15, comma 1, lettera f-bis), del testo unico delle imposte sui redditi di
cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986 n. 917, spetta nella misura
del 90 per cento. Le disposizioni di cui al primo e al secondo periodo non si applicano agli
edifici ubicati in zona sismica 4 di cui all’ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri
n. 3274 del 20 marzo 2003, pubblicata nel supplemento ordinario n. 72 alla Gazzetta
Ufficiale n. 105 dell’8 maggio 2003.

SISTEMA FOTOVOLTAICO

5. Per l’installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica su edifici ai
sensi dell’articolo 1, comma 1, lettere a), b), c) e d) del decreto del Presidente della
Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, la detrazione di cui all’articolo 16-bis, comma 1 del testo
unico delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre
1986, n. 917, spetta, per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, nella
misura del 110 per cento, fino ad un ammontare complessivo delle stesse spese non superiore
a euro 48.000 e comunque nel limite di spesa di euro 2.400 per ogni kW di potenza nominale
dell’impianto solare fotovoltaico, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di
pari importo, sempreché l’installazione degli impianti sia eseguita congiuntamente ad uno
degli interventi di cui ai commi 1 o 4. In caso di interventi di cui all’articolo 3, comma 1,
lettere d), e) ed f), del decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, il
predetto limite di spesa è ridotto ad euro 1.600 per ogni kW di potenza nominale.

6. La detrazione di cui al comma 5 è riconosciuta anche per l’installazione contestuale o
successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati con la
detrazione di cui al medesimo comma 5, alle stesse condizioni negli stessi limiti di importo e
ammontare complessivo e comunque nel limite di spesa di euro 1.000 per ogni kWh di
capacità di accumulo del sistema di accumulo.

7. La detrazione di cui ai commi 5 e 6 non è cumulabile con altri incentivi pubblici e altre
forme di agevolazione di qualsiasi natura previste dalla normativa europea, nazionale e
regionale, compresi i fondi di garanzia e di rotazione di cui all’articolo 11, comma 4, del
decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28.
8. La detrazione di cui ai commi 5 e 6 è subordinata alla cessione in favore del GSE
dell’energia non auto-consumata in sito e non è cumulabile con altri incentivi pubblici o altre
forme di agevolazione di qualsiasi natura previste dalla normativa europea, nazionale e
regionale, compresi i fondi di garanzia e di rotazione di cui all’articolo 11, comma 4, del
decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, e gli incentivi per lo scambio sul posto di cui
all’articolo 25-bis del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, convertito, con modificazioni,
dalla legge 11 agosto 2014, n. 116.

9. Per l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici, la
detrazione di cui all’articolo 16-ter del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con
modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, è riconosciuta nella misura del 110 %

cento, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo, sempreché
l’installazione sia eseguita congiuntamente ad uno degli interventi di cui ai commi 1 .

10. Le disposizioni contenute nei commi da 1 a 8 9 si applicano agli interventi effettuati dai
condomini, nonché, sulle singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale, dalle
persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, salvo quanto
previsto al comma 11, dagli Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati
nonché dagli enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti Istituti, istituiti nella forma di
società che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “in house
providing” per interventi realizzati su immobili, di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei
comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica, nonché dalle cooperative di abitazione a
proprietà indivisa per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in
godimento ai propri soci.

11. Le disposizioni contenute nei commi da 1 a 3 non si applicano alle spese sostenute dalle
persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, in relazione
a interventi effettuati su edifici unifamiliari diversi da quello adibito ad abitazione principale.
12. Agli interventi previsti dal presente articolo si applicano le disposizioni previste
dall’articolo yyy in materia di opzione per la cessione o sconto dell’importo corrispondente
alla detrazione.
13. Ai fini dell’opzione per la cessione o per lo sconto di cui al comma 12, il contribuente
richiede il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione che attesta la sussistenza
dei presupposti che danno diritto alla detrazione d’imposta per gli interventi di cui al presente
articolo. Il visto di conformità è rilasciato ai sensi dell’articolo 35 del decreto legislativo 9
luglio 1997, n. 241, dai soggetti indicati alle lettere a) e b), del comma 3 dell’articolo 3 del
decreto del Presidente della Repubblica 22 luglio 1998, n. 322, e dai responsabili
dell’assistenza fiscale dei centri costituiti dai soggetti di cui all’articolo 32 dello stesso decreto
legislativo n. 241 del 1997.
14. I dati relativi all’opzione sono comunicati esclusivamente in via telematica secondo
quanto disposto con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate, che definisce
anche le modalità attuative del presente articolo, da adottare entro trenta giorni dalla data di
entrata in vigore del presente decreto.
15. Ai fini dell’opzione per la cessione o per lo sconto di cui al presente articolo:
a) per gli interventi di cui ai commi 1, 2 e 3 del presente articolo, i tecnici abilitati asseverano
il rispetto dei requisiti previsti dai decreti di cui al comma 3-ter dell’articolo 14 del decretolegge n. 63 del 2013 e la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli
interventi agevolati. Una copia dell’asseverazione viene trasmessa esclusivamente per via
telematica all’ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico
sostenibile (ENEA). Con decreto del Ministro dello sviluppo economico da emanare entro
trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto,
sono stabilite le modalità di trasmissione della suddetta asseverazione e le relative modalità
attuative;
b) per gli interventi di cui al comma 4, l’efficacia degli stessi finalizzati alla riduzione del
rischio sismico è asseverata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale,
direzione dei lavori delle strutture e collaudo statico secondo le rispettive competenze
professionali, e iscritti ai relativi Ordini o Collegi professionali di appartenenza, in base alle
disposizioni di cui al decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti 28 febbraio
2017, n. 58. I professionisti incaricati attestano, altresì, la corrispondente congruità delle
spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

16. Salvo che Ferma l’applicazione delle sanzioni penali ove il fatto costituisca reato, ai
soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni infedeli si applica la sanzione
amministrativa pecuniaria da euro [XXX] ad euro [YYYY]. I soggetti stipulano una polizza
di assicurazione della responsabilità civile, con massimale adeguato al numero delle
attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi oggetto delle predette
attestazioni o asseverazioni e, comunque, non inferiore a XXX milioni di euro, al fine di
garantire ai propri clienti il risarcimento dei danni eventualmente provocati dall’attività
prestata e al bilancio dello Stato. La non veridicità delle attestazioni o asseverazioni comporta
la decadenza dal beneficio. Si applicano le disposizioni della legge 24 novembre 1981, n 689.
L’organo addetto al controllo sull’osservanza della presente disposizione ai sensi dell’articolo
14 della legge 24 novembre 1981, n. 689, è individuato nel Ministero dello sviluppo
economico.
17. Rientrano tra le spese detraibili per gli interventi di cui al presente articolo quelle
sostenute per il rilascio delle attestazioni e delle asseverazioni di cui ai commi 3 e 15 e del
visto di conformità di cui al comma 11.
Relazione illustrativa
Con l’articolo si provvede a incrementare al 110% l’aliquota di detrazione spettante a fronte di
specifici interventi in ambito di efficienza energetica, riduzione del rischio sismico, installazione di
impianti fotovoltaici e installazione di colonnine per la ricarica di veicoli elettrici, con riferimento alle spese sostenute dal 1°luglio 2020 al 31 dicembre 2021 prevedendo al tempo stesso la fruizione
della detrazione in 5 rate di pari importo. In particolare:
– la disposizione del comma 1 – ponendosi in deroga all’articolo 14 del decreto-legge 4 giugno 2013,
n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, prevede una detrazione pari al
110% delle spese relative a specifici interventi di efficienza energetica degli edifici sostenute dal 1°
luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021. La medesima aliquota di detrazione spetta, ai sensi del
comma 2, anche con riferimento agli interventi indicati nel citato articolo 14 del DL 63 del 2013, nel
caso in cui gli stessi siano effettuati congiuntamente a quelli indicati nel comma 1;
– il comma 3 indica i requisiti tecnici minimi da rispettare ai fini della spettanza della detrazione con
riferimento agli interventi di ecobonus di cui ai commi 1 e 2;
– nel comma 4 si prevede, in deroga all’articolo 16 del decreto-legge 4 giugno 2013, n. 63, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013, n. 90, una detrazione pari al 110% delle spese relative a specifici interventi antisismici sugli edifici, sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre
2021. Ciò sempreché sia contestualmente stipulata una polizza assicurativa a copertura del rischio di
eventi calamitosi;
– nei commi 5 e 6 si estende la spettanza della detrazione nella misura del 110 % anche agli interven-ti
di installazione di specifici impianti fotovoltaici e accumulatori ad essi integrati, effettuati dal 1°luglio
2020 al 31 dicembre 2021. La maggiorazione dell’aliquota di detrazione compete solo nel caso in cui i
predetti interventi siano effettuati congiuntamente a quelli indicati nel comma 4. Con il successivo
comma 7 è previsto, inoltre, che la fruizione della detrazione è subordinata alla cessione in favore del
GSE dell’energia non autoconsumata in sito;
– la disposizione contenuta nel comma 8 riconosce la detrazione del 110 per cento anche per le spese
sostenute, congiuntamente con uno degli interventi di cui ai commi 1 e 4, per l’installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.
Con i commi 9 e 10 si stabilisce l’ambito applicativo delle nuove norme con riferimento ai destinatari
delle stesse. In particolare, nel comma 9 è previsto che le disposizioni dei commi da 1 a 8 si applicano alle persone fisiche non nell’esercizio di imprese, arti o professioni – salvo quanto disposto nel
comma 10 -, ai condomini e agli IACP mentre nel comma 10, con riferimento agli interventi di eco-

bonus di cui ai commi 1 e 3, si specifica che la detrazione con aliquota del 110 per cento non spetta se
le spese si riferiscono a interventi su edifici unifamiliari non adibiti ad abitazione principale.

Inserimento di pergola addossata per fare una veranda vicino alla cucina

Inserimento di pergola addossata per fare una veranda vicino alla cucina
studio di interior design vintage milano , progetto in corso del portichetto esterno la  nuova cucina
Studio di interior design vintage milano  

Inserimento di pergola addossata per fare una veranda vicino alla cucina Il progetto in corso prevede anche il riassetto degli accessi parziali ed integrali di questo rustico. Si propone un dispositivo di accesso a portichetto migliorato nelle sue parti, sia nella sicurezza che nell’estetica. Le operazioni in corso sono. Il disegno della cucina con elementi vintage, in archivio viene poi proposti nel prossimo video in streaming.

 

Guarda CASA SU MISURA // Studio di design vintage Milano di Lancyllot su www.twitch.tv

 

 

 

  1. Proposta di rimozione  tettoia in onduline addossate a carpenteria metallica in ferro
  2. Sostituzione con  telaio in lamellare, a formare una pergola addossata
  3. Miglioramento assetto murario di contenimento portichetto sospeso
  4. Rifacimento delle scale con migliore sicurezza
  5. Attivazione di un nuovo parapetti in pietra
  6. Inserimento di pianta di glicine su bordo esterno
  7. Copertura parziale in coppi
  8. Estensione del lamellare anche verso ingresso secondario nuova cucina
  9. Potenziamento  pergola addizionale dopo la rampa
  10. Controllo delle dimensioni distanza da muro di cinta
  11. Ripristino del parapetto e rivestimento nuovo in serizzo della base pavimento
  12. INserimento di linee di laterizio a bordatura
  13. Inserimento lastre serizo sul bordo destro scale
  14. INserimento la dove possibile di tranciato con ciotoli per bordature di contenimento
  15. Inserimento di canaline per buona raccolte acque
  16. Inserimento di calate di rame per gestione acque meteoriche.

 

Iniserimento di pergole addossate

Inserimento di pergole addossate ristrutturazione verande con pergole

 

 

Nel video  YT il processo  operativo viene descritto con maggiore dovizia di particolari. Lo scopo è far vedere esattamente  quali sono le necessità di accesso al dettaglio, in un area dell’edificio molto importante. Si tratta di fatto di un secondo ingresso che va verso la cucina; un area di accesso adatta sia ad accesso di servizio che per accesso ospiti; l’ampliamento infatti della veranda consente un esensione naturale dello   spazio diningi della cucina che già  è presente  nell’area longitidinale di cui il video nel prossimo articolo. Due video integrativi che risolvono la descrizione,  spesso non possibile di persona o al telfono. Di persone pertchè spesso le riunioni sono interrotte da telefonate ; mentre un video descrittivo mette nelle condizioni la persona di andare a sondare ogni parte del progetto e prendere decisioni migliori sul piano della scelta dei materiali e delle cose da fare.  Nei prossimi videi ci saranno sia le connessioni con twitch.tv che con le specificità presenti sul canale di archiviazione YT.

Streaming 2 Casa su Misura studi di architettura Milano ed interior designer

villa moderna ville moderne esempio di progetto on line esempi di progetto on line

villa moderna ville moderne esempio di progetto on line esempi di progetto on line

Le carattertistiche di una casa- villa moderna sono le seguenti.

  1. Assenza di noiosi pilastri
  2. Sistema a diaframmi non a pareti chiuse
  3. Facciate continue non progettate
  4. Finestre continue a nastro
  5. Pianta libera
  6. Sfalsamento dei piani ( mezzanini semi interrati ecc )
  7. Presenza di vegetazione interna ed esterna
  8. Open space ma con criteri di sicurezza
  9. Buon orientamento solare e di Luce
  10. Emissione zero
  11. Progetti in streaming in tempo reale
  12. Brevettazione di alcuni elementi di arredo.
Villa contemporanea villa moderna esempio di progetto on line

elaborazione di studio progetto di casa , di concezione organica Alberto Mei Rossi

Villa contemporanea villa moderna esempio di progetto on line

elaborazione di studio progetto di casa , di concezione organica Alberto Mei Rossi – villa moderna esempio di progetto  on line

 

ville moderne progetto di esempio on line

ville moderne progetto di esempio on line

 

 

PROGETTAZIONE IN STREAMING IN TEMPO REALE

Guarda il video live di Lancyllot su www.twitch.tv>

studi di architettura ed interior design a Milano

STUDI DI ARCHITETTURA E INTERIOR DESIGN A MILANO

Su studi di architettura ed interior design a Milano designer a Milano Leorbat, cambiano le cose in modo innovativo  La nuova pagina , consente di ottenere progetti in tempo reale dal canale twitch.tv. Nella pagina e nella home page principale ( https://www.archiram.com) è possibile anche andare agli archivi youtube per vedere ogni progetto; CON studi di architettura ed interior design a Milano designer a Milano Leorbat centinaia di ore video attivate dal marzo 2020 che si diramano in singoli video tematici, con immagini di realizzazioni recenti e degli anni recenti.  il sito è  aggregato alla nuova piattaforma tv di twitch il cui canale principale è “casa su misura” all’indirizzo https://www.twitch.tv/lancyllot   

Aggiornamento pagine di archiram progetti 2020 – studi di architettura ed interior design a Milano designer a Milano Leorbat

Studio di architettura interior design Milano

 

 

Chi sono ? eccomi

leorbat mei rossi designer

leorbat mei rossi designer