case su misura

Abitazioni su misura

Reading Time: 7 minutes

Abitazioni su misura, progetti,contatti, idee,imprese

tempo di lettura: 11 minuti

PROCEDURE

Abitazioni su misura progetti notizie libri immagini. Per fare abitazioni su misura occorre stabilire l’ organizzazione di scala. Chi  vuole fare un villaggio di case su misura si organizza con una modalità specifica ,  se invece lo scopo è realizzare una sola casa, il ragionamento è diverso. Partiamo,  quindi dalla singola casa su misura. Per prima cosa noi non facciamo ricerche immobiliari, quindi per rivolgervi a noi o a un altro studio di architettura dovete avere un terreno di proprietà. Il motivo è molto semplice

 

MOTIVAZIONI

Chi chiede di fare il progetto di una casa su misura, deve avere una motivazione e la migliore è quella di possedere concretamente  un terreno edificabile, quanto meno, che non abbia il piano di lottizzazione in scadenza.

CONTATTI

Abitazioni su misura progetti notizie libri immagini.Potete contattarci su progetti@archiram.com. Come si sviluppa un contratto con un ufficio? Nello sviluppo dei contatti, vi sconsigliamo di contattare 200 studi con la logica del  primo che risponde . Spesso noi siamo in contatto tra di noi e sappiamo chi va in giro a chiedere il preventivo migliore in base ai progetti e bozze fatte da altri che poi devono essere modificate

LA DISTRIBUZIONE DEL PROGETTO
Se il disegno architettonico è stato fatto da altri, occorre il consenso dell’ altro professionista per poter condurre delle modifiche. Il contatto va fatto solo se siete certi di aver scelto un ufficio in base a diversi fattori: disegni, progetti, idee e vostro obiettivo. Qualora il vostro obiettivo è fare una casa in stile coloniale, andate da Paolo Portoghesi e non bussate alla porta di Frank Lloyd Wright, per dare solo un esempio.

TEMPISTICHE PER FARE ABITAZIONI SU MISURA.
Abitazioni su misura progetti notizie libri immagini.Le tempistiche per fare abitazioni su misura, nascono dalla tempistica di progetto. Spesso un progetto di massima si fa in dieci giorni, la correzione del primo disegno  ne richiede altri dieci. La completezza si ottiene, con il medesimo tempo.   le lentezze burocratiche italiane ci obbligano a lavorare con consegne a sessanta giorni, perché, preferiamo sviluppare più progetti, in quanto in Italia c’è il rischio che le amministrazioni comunali vadano in default politico.

COSTI di Abitazioni su misura

Abitazioni su misura progetti notizie libri immagini. I costi di progetti per case su misura dipendono dal tempo. Più tempo i comuni ci fanno perdere, maggiori sono i costi. In genere è sufficiente fare un computo preliminare nel sito  dell’ ordine architetti e ingegneri o geometri, i quali costi si discostano di poche percentuali. Si parla ovviamente di costi di progetto che variano dal 2,5% al 10% a seconda di quello che si deve fare.

PREVENTIVO ESECUTIVO – capitolato a controllo dinamico

Il preventivo esecutivo, non si può fare senza un incarico preliminare e senza un acconto, ed ha una precisione con un errore del 10% circa. Noi elaboriamo il progetto in base a una consulenza interna, poi il nostro ufficio, consegna il disegno al cliente dopo averlo vagliato dal mainframe acquisti. Il contratto con noi è necessario e si stipula con un avvocato che non lavora gratis. Ribadiamo il concetto che il progetto di design di interni è del tutto  gratuito ma anche il design del giardino.  Va da se che le consulenze strutturali o perizie , vadano fatte da ingegneri e geometri e seguono un altro percorso normativo con costi indipendenti dalla consulenza gratuita, che viene fatta in armonia con  il flusso commerciale dei fornitori, Coordinati in un unico  ufficio acquisti. Impresa-Arredamento.

IMPRESE per Abitazioni su misura

Abitazioni su misura progetti notizie libri immagini. Le aziende edili che fanno case su misura, sono selezionate con una lunga fase di controllo e verifica di quello che è stato fatto prima, ergo occorre un mese per la ricerca dell’ impresa edile giusta. La ricerca viene fatta in assetto di ufficio acquisti. La ricerca ha un costo di 500 euro e consegna dati, in base alla disponibilità che vi è in camera di commercio. In genere, però noi ci affidiamo ai costruttori, tra i nostri contatti e le probabilità d’ incorrere in problematiche è molto basso. In ogni progetto si prevede il monitoraggio video in tempo reale del cantiere, ed è obbligatorio nel contratto, questo implica dei costi web che vengono calcolati con il server. Per ogni progetto il costo del monitoraggio che diventa anche una cronistoria per voi da far vedere agli amici, ha diverse ricadute in base al tipo di disegno e alla sua dimensione. Dal 2020 è nato un servizio streaming, dove i progetti vengono elaborati in tempo reale in streaming, in video in diretta che durano anche 2 ore; nei commenti delle differite è possibile fare delle osservazioni che prevedono una risposta dimostrativa a video nello streaming successivo.

CARATTERISTICHE DELL’ ABITAZIONE SU MISURA

Abitazioni su misura progetti notizie libri immagini. Le caratteristiche dell’ abitazione su misura, si fondano su aspetti legati al criterio di progetto. Essendo una progettazione libera, essa parte dallo spazio interno. Il tema dell’ abitazione su misura a configurazione libera nasce attorno al 1910, negli Stati Uniti. Il capostipite di questo tipo di progettazione è Frank Lloyd Wright, che progettò più di 1000 abitazioni realizzandone circa 500. I vantaggi di questa progettazione si fondano sul fatto che lo spazio abitativo è unico e rappresenta voi stessi. Il limite dell’ arredamento scelto da se stessi è che in ogni caso gravita in una casa che altri hanno progettato, considerando, la misura generica di un generico individuo o una famiglia tipo che vi abita. Voi vi sentite generici o avete qualcosa in più del comune individuo. progetti@archiram.net

TIPOLOGIE di Abitazioni su misura

Abitazioni su misura progetti notizie libri immagini. La tipologia non esiste, ma per meglio far comprendere di cosa si tratta adotteremo lo schema delle tre figure principali. Più è complesso il progetto Maggiori saranno le forme. In genere si usano tre forme elementari, come il triangolo, il cerchio, e il quadrato, che può diventare rettangolo. Le tre figure di base vanno a strutturare la configurazione complessa governata con triangolo+cerchio, oppure cerchio+quadrato e cosi via le combinazioni sono molteplici. Una casa governata sul quadrato/rettangolo in genere è più semplice e i costi inferiori, perché anche nella pianificazione dei pezzi, ci si può  coordinare con   aziende che producono elementi in fabbrica.

ECOSOSTENIBILITA’ di Abitazioni su misura

L’ eco sostenibilità si coniuga con l’ ecologia generica. La sostenibilità è un falso mito. Ogni cosa che l’ uomo compie ha un impatto sul territorio. Le case in classe A possono in realtà essere più inquinanti di una casa che disperde molto, perché la coibentazione contiene tanto di quel polistirene che per produrlo, è stata immessa in atmosfera molta anidride carbonica. Tuttavia la nostra progettazione prevede, l’ uso di un criterio di organicità che riduce il più possibile l’ impatto sul territorio. Facciamo un solo esempio. Il tetto verde, riduce il ponte termico e le polveri che entrano in casa per effetto della pressurizzazione delle case che è un fatto di default.

DEFINIZIONE DI CASA DI ABITAZIONE SU MISURA 

La casa di abitazione su misura è un organismo abitativo che si progetta su contratto, per la singola famiglia o committente, in un unico ufficio, coordinandosi con più tecnici abilitati. Il dispositivo architettonico, si fonda sulla dinamica degli spazi, organizzati come il cliente desidera, e in modo originale, cioè non uguale alle altre case. La casa di abitazione su misura si differenzia, per la sua unicità autenticità, e invenzione degli spazi, procurando dei vantaggi esclusivi a chi vi abita. Uno dei vantaggi è la maggiore integrazione degli spazi con il giardino e la luce. La casa di abitazione su misura non prevede l’ uso di tipologie tradizionali, ma almeno la modifica parziale di sistemi obsoleti.

PROGETTI

I progetti potete vederli nella sezione progetti di questo sito.  https://www.archiram.com/progetti/  andando al link, oppure andando in home page scorrete la sezione variabile su progetti ( non è difficile potete farcela )

IDEE

Una delle proposte fatte di recente, può diventare una tipologia  razionale configurabile in base alle diverse esigenze. Le caratteristiche di progetto sono evidenti. Il dispositivo architettonico, prevede diversi assetti. Dal diario di bordo di progetto accessibile con password descriviamo: << … Questa vista angolata della casa, fa vedere come ci siano grandi vasi alla base che non pregiudicano la sicurezza. I vasi accolgono piante che mitigano d’ estate, il caldo e d’ inverno (gelsomino), determinano un filtro termico notevole; il glicine cresce e si arrampica tra le gronde che hanno  collettori  naturali per l’ acqua. Gli spessori delle gronde a sbalzo saranno molto importanti per sostenere la neve. Questa configurazione offre aperture, ma non devono essere eccessive, per governare meglio la dispersione termica.

Immagine di esempio ( altre immagini su iscrizione per abbonamento )

case su misura

case su misura dal sito di alberto mei rossi www.archiram.com   mail  progetti@archiram.com ( richiedi un preventivo)

 

TECNOLOGIA DI PROGETTO E COSTRUZIONE

La tecnologia di progetto che adottiamo è divisa in due parti. IN ufficio utilizziamo il cad bidimensionale, in casa studio, usiamo Blender, un software libero che non genera costi, quindi relativamente più economico. Per il 3d quindi si parte da una integrazione del prezzo di progetto di soli 1000 euro, con gli altri programmi come 3d max o sketchup, l’ il completamento 3d di disegno varia da 5000 mila a otto mila € per sei mesi di utilizzo. La tecnologia dominante di costruzione è la ARCHIRAM-BETON una insegna che sta a indicare che per conoscere la tecnica che usiamo, occorre, prima iscriversi al sito poi è necessario richiedere un preventivo.

MATERIALI.

I materiali dipendono dal luogo. Nel caso della casetta esposta nella figura, prevedibile in un contesto di pianura in provincia di Milano urbanizzato parzialmente in un piccolo parco urbano, si prevede l’ uso del laterizio strutturale per il verde, il calcestruzzo, per le strutture, il legno, per le solette e il sub sistema, pietre locali e laterizi per i componenti. Per gli infissi sarebbe preferibile il legno. Il vetro può essere sostituito in alcuni casi con un materiale speciale come i berillio, ma si tratta di casi eccezionali dal costo elevato. I rivestimenti spesso vengono fatti in rame, se si tratta di coperture.

NOTA BENE: SUI SITI CHE RACCOLGONO PROFESSIONISTI SENZA LAVORO: NOI NON SIAMO UNO DI QUEI PORTALI DI COLLOCAMENTO CHE PRIMEGGIANO NEI MOTORI DI RICERCA, PER TROVARE NOI DOVETE FARE UN PO’ DI FATICA .

In alcuni casi siamo nelle prime pagine in altri casi no, il motivo è dato dal fatto che attraverso dei giochini informatici, qualcuno riesce ad ingannare l’algoritmo ma dietro quesit portali , non c’è nulla ci sono solo uffici che chiedono soldi per raccogliere quanti più professionisti possibile, illudendoli che con un pagamento possono ottenere clienti. Niente di peggio.
Scegliere un architetto, è facile, scegliere la corretta progettazione su Milano è più difficile per questo alcuni portali che noi definiamo “bigiotteria” raccolgono elenchi di disoccupati. Perchè sono progettisti che non trovano incarichi quindi si affidano a catene di sant’antonio che primeggiano nei motori di riceca ma la qualità latita, infatti i loro nomi non corrispondono ai più celebri architetti in città perchè costoro non hanno certo bisogno di questi siti fake che raccolgono a pagamento disperati senza incarichi.

Per un progetto di ristrutturazione occorre, un buon progetto ed un buon contratto, non servono esperti ma progettisti che pensano; il designer non deve fare da balia o da tata a nessuno, non siamo qui per vendervi carte da parati o enciclopedie ma per darvi delle idee vincenti. La progettazione architettonica non è distribuzione taylorista e dipendenza da altri uffici. La nostra è una bottega artigianale che non dipende dai portali. Un consiglio a tutti i professionisti :  evitate i portali perchè quando loro falliscono voi siete a piedi. Un consiglio ai clienti. Evitate i portali perchè, spesso, a nostro avviso,  si iscrivono disperati che non hanno più clienti.

24

 

-.-

 

Interni giapponesi progetti cultura idee immagini la casa giapponese

Reading Time: 5 minutes
brown and white temple surrounded by green trees during daytime

casa giapponese tradizionale

  • Interni giapponesi – la tradizione
  • Interni giapponesi la contemporaneità
  • Il tempio buddista
  • Le dimore reali
  • Le dimore del popolo
  • I materiali
  • La forma
  • Le antiche città
  • La fusione e contaminazione con l’occidente ( architettura moderna influenze reciproche).
  • La sostenibilità di questo habitat.

 

 

Interni giapponesi, progetti cultura idee immagini la casa giapponese.

Interni giapponesi, progetti cultura idee immagini la casa giapponese. Cos’è la casa giapponese e la sua cultura? qual è la prima cosa da sapere su come si organizza uno spazio di questo tipo? occorre conoscere la storia per sommi capi di questa cultura giapponese, e si  parte dal tempio buddista. Quella è la fonte principale dello spazio della casa considerato sacro come il tempio. Fu quella l’influenza nella civiltà giapponese sin dagli esordi. Senza questa base avete solo una carrellata di sciatte immagini che imitano senza andare all’essenza.

Wakayama è certamente un esempio di correlazione  “habitat” spirito e natura.

x

 la casa giapponese interni giapponesi nipponici

la casa giapponese interni giapponesi nipponici

 

 

Interni giapponesi, progetti cultura idee immagini la casa giapponese  Lo spazio interno ispirato al “Giappone tradizionale”, nasce da alcuni aspetti da non sottovalutare, Intanto occorre capire perché e come loro realizzavano abitazioni prevalentemente in legno e perché anche oggi molti spazi sono strutturati con il legno.  L’antica cultura asiatica del Feng Shui e la filosofia dei 4 elementi e degli 8 elementi è alla base di questa cultura. Esistono due atteggiamenti diversi, il primo è scopiazzare idee da riviste mediocri, il secondo è ispirarsi a questa cultura ma reinventare un proprio spazio, cogliendo le cose migliori ed utili di questo modo di arredare.

SEMPLICITA’ ED ESSENZIALITA’ DELLA CASA GIAPPONESE.

La prima cosa che viene in mente è la semplicità e l’essenzialità. Ma se questo non fa parate del vostro stile di vita è inutile che facciate un progetto “Stile Giappone” perché poi vi ritrovate con una casa piena di oggetti che non sapete dove mettere. Lo stile di vita di chi ha una casa ad orientamento giapponese, non dipende dal lavoro che egli fa. Potrebbe fare il libraio, il bibliotecario, il banchiere, o l’impiegato postale, non cambia nulla. Lo stile di vita non dipende dal lavoro.  Tuttavia, se per caso fate un lavoro creativo, o in mezzo alla natura , questo  “stile” aiuta ed è più attinente.

 

Quello che conta in questo “stile” non sono gli oggetti ma gli spazi che se ne ricavano. Potete fare una casa Nippon ma se non avete la cultura del Bonsai, al posto della tv.. non potete fare una casa senza saper coltivare il  Bonsai. O avete per cultura il senso dello spazio che accoglie anche il Bonsai o farete solo una accozzaglia di cose acquistabili in qualsiasi mercatino trash. In alcune di queste immagini, viene proposta una declinazione progettuale. Seguiranno anche cenni storici e termini che servono a spiegare alcune cose fondamentali da comprendere.

Nel cinema possiamo trovare  alcuni esempi, di spazi interni giapponesi. Uno dei film interessanti  è stato l’ultimo Samurai interpretato da Tom Cruise

 

 

Esempio di immagine di progetto per una ristrutturazione che ha inciso anche sullo spazio outdoor della casa sul lago di Garda nel 2007.

interni giapponesi la casa giapponese architettura organica natura

alberto mei rossi interni giapponesi architettura organica

 

STUDI DI ARCHITETTURA PER CASE GIAPPONESI? 

Esistono studi di architettura in Milano che si occupano di   ” casa giapponese”, c’è un elenco di negozi in Milano che forniscono  “interni giapponesi”.  Intanto ci siamo noi ( progetti@archiram.net) poi, in “calce”  vi faremo l’elenco di quelli che riteniamo siano i migliori a Milano. Diamo queste indicazioni su Milano perché noi ci  divulghiamo di progetti di interni esclusivamente su Milano ( interorior design Milano )  

NUOVA DIRECTORY SUL DESIGN A MILANO

La directory si occupa di design su Milano ma anche delle proposte “etniche” , il  “nippon design” che recupera quella tradizione, si trasforma , poi in architettura moderna. Si tratta di un mood, che ha influenzato architetti moderni e contemporanei. Il razionalismo organico, proviene, dall’influenza della cultura cinese e giapponese, senza ombra di dubbio.

CENNI STORICI . INDAGINI PRELIMINARI

. L’arte di costruire le case secondo i giapponesi, è antica quando l’impero. Tutto si fonda su un modulo chiamato  “tatami”. Il tatami è un concetto. Il tatami è un concetto geometrico di forma ottagonale ed  ha anche un valore tridimensionale. Atteniamoci per ora ad analizzare il suo potenziale sull’organizzazione in mappa della casa “giapponese”. I valori di questo elemento cellulare è di 45 cm di lato per  il lato inferiore e di 90 cm di lato per il lato lungo,  ergo il doppio.

ORGANIZZAZIONE DIMENSIONALE COMPLESSA DELLA CASA GIAPPONESE

Per l’organizzazione di uno spazio abitativo di base, occorre usare un blocco che contenta più  “tatami”. Nel disegno a matita che ho fatto si vede come si configura la prima organizzazione dell’habitat. Gli ambienti vanno organizzati in base a blocchi di 8 tatami. Con 8 tatami sono possibili anche geometrie poligonali. Ma questo lo vedremo nel prossimo articolo. 4 Blocchi da 8 tatami formano 32 tatami, dove può già vivere uno spazio “soggiorno” “pranzo”, poi vi diremo come si chiamano in giapponese questi spazi, per ora analizziamo alcune aree come l’ingresso che spesso è anche una veranda.

LA SUDDIVISIONE DEGLI SPAZI NELLA CASA GIAPPONESE

L’ingresso prende il nome di “Genkan”. Appena dopo l’ingresso che ha una configurazione minima di almeno due blocchi da 8 tatami, abbiamo il Toconoma,. che è una nicchia incassata composta da un minimo di 2 tatami in mappa, ma si può arrivare anche a 4 tatami. Lo spazio della “cucina giapponese”, può occupare il minimo lineare di  6 tatami, con uno spazio lordo di base di 16 tatami.  Una camera di base può misurare 3.60 x 3.60 m, ma non è piccola. Percettivamente una camera giapponese è più grande di quei metri. Ora vediamo i motivi. L’organizzazione dello spazio casa giapponese, che  conferisce l’idea di una casa fragile e spoglia, in realtà è il più flessibile che esista.

NELLA CASA GIAPPONESE LE PARETI NON SOSTENGONO IL TETTO

Non sono le pareti a tenere su il tetto, ma dei sistemi chiamati Shoji, che sono dei pannelli, in grado di creare un diaframma interno-esterno e rappresentano il recinto, ergo il confine della casa. Nello spazio interno invece le pareti, sono quasi tutte mobili, almeno il 90% C’è un racconto, di uno studioso che a fine ‘800 fece un viaggio in Giappone da cui abbiamo tratto molte indicazioni. Tale racconto vi verrà, esposto in coordinamento con la traduzione grafica, fra qualche  settimana. Ma quello che conta  ora , è che voi sappiate distinguere , concettualmente una casa occidentale da quella giapponese. Possiamo quindi, elencare questi primi punti.

Specchietto preliminare per un progetto descrittivo : La casa giapponese progettazione.

 

 

  1. Il tatami è la cellula concettuale base , l’uomo sta all’interno di 4 tatami. Il tatami misura 45×90 cmq
  2. Non ci sono pareti interne fisse , le pareti interne ( fusama ) possono mutare l’assetto
  3. Non esistono stanze fisse, l’area letto di giorno diventa living assieme allo spazio dedicato, perché non esiste nemmeno il concetto di letto, tutto è governato con materassini a dimensione tatami.
  4. Non esistono le sedie , quindi lo spazio è pulito, e ci sono dei dislivelli perché , la soletta di terra è rialzata.
  5. esiste sempre una verandina di ingresso, ed un tokonoma, poi molte nicchie che assumono le dimensioni del tatami.
  6. L’uso della carta bianca per i pannelli di delimitazione della casa, diffonde una luce indiretta molto intensa che aumenta la spazialità degli elementi.

 

alberto mei rossi labirinto di chartres

Il più importante architetto del medioevo fu Ken Follet .

Reading Time: 2 minutes

Sicuramente uno degli architetti più geniali del medioevo fu Ken Follet,..il progetto della sua cattedrale  KingsBridge, segna l’epopea delle grandi cattedrali d’occidente, il respiro cui egli ha dato ai simboli e la forza, che egli seppe dare, ad archi di quarto di sesto acuto che raggiungevano l’altezza di 250 metri, non ha eguali nella storia dell’arte. Di tutto interesse fu il labirinto. La particolarità di quel labirinto ( nascosto nel romanzo ma presente nel luogo) è che risolve quello di Chartres ( a breve le foto ). Leonardo da Vinci si ispirò a questo edificio e nel codice atlantico pare ci siano appunti ( incompleti ) dove egli sarebbe andato presso Castle Bridge nella Gran Bretagna centrale. Egli ritrasse alcuni archi acuti e ridisegnò alcune  parti dell’edificio per , poter svilupparae alcuni progetti da esporre a Ludovico il Moro. Naturalmente quello che ho scritto è una  burla, ma lo scopo era dimostravi che il motore di  ricerca di google è “stupido”, cioè non è intelligente ergo non conosce la storia, per questo è facile trovare un autore che nulla ha a che fare con la storia, ma con l’invenzione della storia,  nel motore di ricerca più famoso.  Google è specializzato nei diffamatori di personaggi che non hanno mai avuto bisogno di google per emergere, questo la  dice lunga sull’efficienza reale del sistema. Tuttavia ora hanno “Panda” uno spider in grado di comprendere anche il valore dei contenuti e scoprire quelli che sono stati duplicati, peccato che la cosa non funzioni nei topic e nei forum che non vengono penalizzati.

In questo video potete vedere la configurazioen della cattedrale in una ipotetica ricostruzione, basata su un software.   Dopo questa Burla iniziamo la nostra ricerca che poi andrà nell’area History.  L’architettura sacra medievale  o meglio Gotica inizia con il Coro di San Denis. Sul motivo per cui inizia proprio in quel posto e non in altri, cercheremo di capirlo nelle indagini bibliografiche in corso. La prima cosa che bisogna fare quando si fa una indagine sul medioevo è conoscere il latino ed il greco. Parecchi documenti sono in latino e li non si scappa. Ma ci sono parecchi archivi che riportano descrizioni, scritte in Italiano, se si va all’ interno di un archivio storico. Come facevano a dimensionare le parti degli edifici, gli architetti e costruttori medievali?  Molto è scritto in un testo, segreto che pochi hanno letto, ma è stato possibile da parte mia scoprire i codici di quel testo che si chiama “Naometria”. Tutte le chiese medievali derivano dalla numerologia descritta nel testo Naometria https://it.wikipedia.org/wiki/Naometria  di Simon Sudion.  Sono entrato a conoscenza di questo libro, in una conferenza dello scrittore Carpeoro ( Vista su YT ),  durante una mia ricerca sull’ origine dei templari per verificare alcune cose scritte in una delle dozzine di libri che possiedo sui templari, non mi erano chiare alcune cose.

Voci correlate 

  Continua . a cura di Alberto Mei Rossi         Libro consigliato per capire  questo articolo .  [  non ne ho la più pallida idea per ora ]  

alberto mei rossi cucina van gogh

Cucine moderne, idee progetti immagini

Reading Time: 3 minutes

Nel moderno rientrano diversi, argomenti. Il moderno non è solo superficie liscia e volumi puri ed è quello che vedete in queste immagini, è anche futuro. Tuttavia il design della cucina moderna nasce dagli anni 40 negli Stati Uniti e Germania. Le cucine degli anno 40 di  Francoforte e il designi di Chicago dagli anni 10 fino al 1950, precorre il design bombato poi fino alla fine degli anni 60. Dagli anni 70 si è tornati alle superfici rigide e rigorose. Lo scopo degli anni 70 era razionalizzare gli spazi, perchè le abitazioni realizzate dalla seconda metà degli anni 60, avevano una caratteristica fondamentale: la metratura era ridotta di almeno il 50% rispetto alle case da cui provenivano gli immigrati verso Milano, la città da dove poi dagli anni 60, 70 sono arrivate innovazioni che hanno inciso nelle abitudini anche degli americani. Molti pezzi di design sono entrati in tutte le case del mondo.  Secondo un recente articolo di “La Repubblica le tendenze sono scomparse e l’arredamento, viene fatto arrangiandosi ed andando a comprare il legno masssello.  Non è cosi perchè dall’analisi delle parole chiave digitate su google emerge una tendenza alla ricerca di arredamenti moderni e contemporanei. Si tratta di una tendenza lieve ma c’è. Questo significa che è possibile oggi trovare in living integrati con una cucina costruita da poco, oggetti dalle superfici lisce e squadrate. Cosa che porterà al rinnovamento dell’intero arredamento da arte povera a, forte plasticità geometrica. Alcuni oggetti però rimarranno nell’area Vintage.  Noi proponiamo questa modalità per chi ha la cucina a piano terra e la necessità di installare una stufa. L’abbiamo nominata Archiram Kitchen Van Gogh perchè i colori ricordano le atmosfere dei quadri di Van Gogh, rimanete in attesa per vedere la Monet Ktichen.  Sotto una carrellata di immagini , cui seguiranno altri progetti, più innovativi di questi. Per chi volesse una consulenza su un progetto su misura , può scriverci senza indugi a progetti@archiram.net diffidate da imitazioni o da chi denigra è tutta invidia..a breve le nuove ed   ultime cucine realizzate ed i nuovi cantieri.

error: Contenuto protetto, non puoi copiare il testo