Skys gravity

Dalla fantascienza alla progettazione architettonica antigravitazionale stazioni spaziali città stellari

ARCHITETTURA ANTI GRAVITAZIONALE SKYS-GRAVITY – 50°ANNIVERSARIO SBARCO SULLA LUNA

La sperimentazione progettuale passa per l’architettura  “spaziale”. Il futuro è fatto anche di stazioni spaziali orbitanti, di basi lunari e basi su Marte. Lo scopo dell’uomo sarà esplorare gli altri pianeti del sistema e forse andare oltre. Intanto ci esercitiamo anche su ipotesi terrestri. Che cosa ci impedisce di pensare ad un nuovo materiale che si comporta in modo anti-gravitazionale? Ecco il progetto Gargantua..  L’articolo completo lo trovate su codice-architettura, il nostro sito di creazione di archetipi.  https://www.codicearchitettura.com/2019/07/05/architettura-antigravitazionale

Skys gravity
Skys gravity

 

STAZIONI SPAZIALI, O STAZIONI ABITATIVE NELLO SPAZIO, IDEE E NOTIZIE DALLA NASA

La stessa opzione di progetto, con un leggero cambio di scala, può essere usata per creare una stazione spaziale per 12 mila persone, migliaia di  addetti agli sbarchi , un porto stellare, una città logistica, per merci e materiali, vuoi mettere il pavimento della cucina in pietra lunare? lascia fare ! sarà un must fra un paio di secoli!.. La prima città del neo-medioevo , la prima città di fondazione , orientata all’ esplorazione delle galassie. La chiameremo Gargantua..ispirandoci al film Interstellar.

NOTIZIE DALLA NASA –

Nasa, la Stazione Spaziale  aperta alle aziende

Da un articolo ANSA del 7 giugno ( se googlate lo trovate )  , abbiamo individuato una nuova strategia della NASA , che si allinea con la necessità, successiva di sviluppare progetti, per lo spazio  e nello spazio in modo diretto.  In pratica wall street sta aprendo ad investor spaziali , e astronauti non più controllati dai governi ma lanciato da iniziative private, anche se in realtà le componenti delle navi usate fino ad ora, è probabile siano state finanziate da aziende private. Ma il lancio ed il controllo dei lanci era solo affare governativo.  Dal 2020 il laboratorio spaziale che ora è in orbita potrà ospitare anche astronauti privati.

 

STAZIONE SPAZIALE DEL 1998, SOLO L’INIZIO
Dalla fantascienza alla progettazione architettonica antigravitazionale stazioni spaziali città stellari

Lo scopo dell’ apertura della  NASA ai privati è generare una costellazione di stazioni spaziali, in grado di sperimentare in orbita, nuovi materiali. L’ aumento di flusso economico per queste iniziative, scatenerà una nuova corsa allo spazio. Finiti gli spazi a terra, la progettazione architettonica attiverà nuove frontiere, per dirla alla “star trek”. La nuova era è iniziata.

Per sapere cosa è la S.I.I. Operativa in orbita dal 1998, ecco il link https://it.wikipedia.org/wiki/Stazione_Spaziale_Internazionale

Ricorre, proprio in questo periodo il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna. Il periodo attuale è d’oro perchè si sta tornando a parlare di sbarco ma anche di permanenza. Lo scopo stavolta sarà la costruzione di una base lunare. Con lo sbarco in borsa, è probabile che le risorse giungeranno copiose. Stay tuned, Archiram ha progetti in corso…

 

 

gargantua città stellare
città stellare

 

 

Lascia un commento