Categoria: studi di progettazione milano

Studi di architettura Milano

Studi di architettura Milano.

Studi di architettura Milano ( cenni storici generali sul funzionamento di uno studio)   Via Perasto Milano architetto Lingeri-Terragni.

Il concetto di studio di architettura si sviluppa nel ‘900, prima si trattava di atelier d’arte o di botteghe d’arte. Milano conosce un forte sviluppo del concept di studio di architettura dai primi del ‘900. Si giunge poi al concept di  interior design che vedremo in un capitolo apposito. Gli studi di architettura di Milano hanno delle caratteristiche, diverse che nel contesto nazionale. A livello nazionale vige ancora il singolo designer che domina sui disegnatori, mentre e Milano, eccetto rari casi storici, è il team che domina, specie nella contemporaneità. Questa introduzione è necessaria perchè spesso, non è sufficiente “scrivere” architetto fuori dalla porta per trovare un architetto, ma occorre che il progettista conosca il mestiere e la storia del suo mestiere.

Dagli archivi, abbiamo estratto quelli che meglio descrivono l’approccio moderno  http://www.lombardiabeniculturali.it/percorsi/archivi-architetti/2/

studi di architettura millano - archiram progetti descrive Pietro Lingeri casa toninello
studi di architettura millano – archiram progetti descrive Pietro Lingeri casa toninello – Architetti via Perasto a Milano

Uno degli architetti più importanti ( prima di andare sui più noti) è stato Pietro Lingeri ed il suo lavoro, oltre ad essere riscontrabile nel suo studio è  visibile per le opere di architettura che ha lasciato. Mentre  qualcuno

costruiva in uno stile squallido ed obeso ( quello littorico),  lui lavorava con concetti legati al neo-plasticismo.   Lingeri e Terragni lavorarono ad un tema ordinario, esprimendo interessanti codici dell’architettura razionalista.

Descrizione tematica e contestualizzazione : story-telling della ricerca.

Molto interessanti sono le forze date ai getti d’ombra coordinati anche con  materiali dal colore più scuro posizionati, in modo da muovere la scatola e creare connotazioni di leggerezza.  ( 1933-35 ). Studiai questo edificio, durante gli anni dell’apprendistato presso lo studio di architettura  Willi Ramstein che aveva sede negli anni 90 presso , Via Superga a Milano. Ricordo che una mattina mi disse in un italo – tedesco:, <<ora  antare a stutiare un po di architettura sul posto ya! porta carta e patita>>. In tram  andammo a fare un giro alla ricerca delle architetture perdute di Terragni e Lingeri.

Studio e lavoro a Milano.

Tornammo dal giro anche sbronzi perchè egli è anche un appassionato di Birra. Era  la fine di Novembre del 1992, e Milano era sopita nella nebbia, quella mattina, prendemmo un ottimo cappuccio al bar dell’angolo  tra viale marche e via Superga e iniziammo il giro “didattico”. Fu estremamente divertente. Portai , carta e matita e disegnammo le linee di forza che tengono in piedi il disegno e spostano il volume in aggetto verso la strada, con un allineamento diverso dall’architettura scatolare di inizio 900 che prende le forme dal neo-classicismo. Eravamo nel 1992, alla fine ormai del post-moderno e stavamo lavorando ad alcuni progetti da sviluppare ( aree dismesse) in Veneto.

Studio dell’architettura moderna e contemporanea di Milano: fondamento di idee autentiche per il futuro.

L’architettura moderna milanese, inserita nell’alveo del ventennio, sopravviveva alla squallida architettura littorica , un accozzaglia di stili pesanti e monumentali . Alla luce di questi piccoli gioielli, bisogna continuare per dare a Milano un vero aspetto moderno. La difficoltà di questi edifici nel sopravvivere agli spazi urbani, si trova proprio nella loro primaria autenticità, che ci incoraggia a proseguire sulla stessa linea o su di una linea di sviluppo, più ricca di cambiamenti. Tutta la letteratura dell’architettura moderna potrebbe vedere questi edifici, come l’archetipo del moderno.

Non bisogna guardare a questi edifici come alla massima espressione del moderno, ma come archetipo di partenza. Stiamo parlando degli anni 30. Il raffronto lo vediamo con l’automobile. L’evoluzione estetica dell’automobile è diversa da quella architetturale. Possiamo dire che in architettura siamo rimasti agli anni 30, in tutto il mondo. Ora c’è bisogno di nuovi archetipi.  Tuttavia c’è ancora spazio per , completare un lavoro iniziato e mai completato.

Vi spiegheremo passo passo quali sono i nuovi parametri per attrarre investor e per evitare edifici con grandi volumi “sfitti”. Con i nostri progetti ideali abbiamo influenzato numerosi “architetti” che si sono ispirati ai nostri disegni. Talmente è evidente che è quasi imbarazzante volerlo dimostrare. Basta fare attenzione e lo capirete da soli.

I parametri di fondo sono derivati dall’istruzione architettonica classica [firmitas-utilitas-venustas] ma questo attiene le accademie. Noi parliamo di affari e di affari seri. I parametri sono 4, e riguardano le società immobiliari.

  • Completezza
  • Originalità
  • Utilità
  • Usabilità

LA TEORIA COME DIFESA REPUTAZIONALE

Oltre a questi 4 parametri archetipo, abbiamo la necessità di difendere con delle azioni mirate  ogni aspetto. Perchè anche ad edificio ultimato, ci stiamo accorgendo che certi gruppi immobiliari cercano addirittura di distruggere gli edifici fatti dai concorrenti.  La novità di “Archiram progetti e www.albertomeirossi.com è l’approdo al lato teorico della faccenda. Di cosa stiamo parlando?…di una novità che vedrete nelle prossime settimane. Questo darà attinenza a studi e società immobiliari, al modo di preservare il loro futuro. La strategia architettonica sarà per voi molto utile, e noi sappiamo dove sta la differenza.

[to be continued…..]

a cura di Alberto Mei Rossi [Leorbath ] Https://www.albertomeirossi.com

mail : progetti@archiram.net

home https://www.archiram.com

 

PROGETTISTI SPECIALIZZATI HOTEL E CENTRI BENESSERE LEGNANO

PROGETTISTI SPECIALIZZATI HOTEL E CENTRI BENESSERE

Welcome hotel Legnano , un edificio progettato da me, descrizione 1/10.

Analisi degli elementi del progetto: panoramica.

Nel Welcome Hotel di Legnano, sperimentai per la prima volta la progettazione organica, seguendo dei principi di base.  Ricordo che il cliente fu colpito da alcuni miei disegni  pubblicati e nel Novembre del 2002 e mi disse che se avesse avuto spazio, avrebbe realizzato un disegno specifico che aveva visto.

Dispiace smentire i detrattori imbecilli che affermerebbero io sia un mitomane, ma non è un problema mio. Il progetto-disegno è stato fatto da me come ideazione architetturale, lo so che brucia a qualcuno ma i file originali sono BACKAPPATI con date ben precise. L’incarico  poi si è attivato  presso gli ingeneri e l’architetto di fiducia del cliente.

Vorremmo dire all’imbecille che ha dato lavoro a quel detrattore infiltrato   speciale dentro  adao, che in adao per quanto mi riguarda non è il ben venuto, da noi non c’è carriera non diventi presidente se lecchi il culo e fai le foto, gli ocnsigliamo di occuparsi di altro e di non mandare più infiltrati inutili in ADAO, grazie.Anche perchè è ora di finirla di alimentare imbecilli che poi si frappongono tra noi ed i clienti, perchè i clienti poi credono che un “docente” universitario sia anche un valido progettista, ma tanta è tale la merda pseudo architetturale che vediamo in giro specie a Milano che…voi umani…

C’è da dire che il progetto ancora non è stato descritto nelle sue parti e nelle sue potenzialità addizionali e per il futuro  lo faremo   Descriveremo in 10 post ogni singolo progetto fatto da me. In realtà questo progetto ne contiene numerosi altri, ed ogni parte è relativa all’interno, nonostante  UN  “visitatore” maligno avesse riscontrato incongruenze.

La mancanza di conoscenza dell’architettura organica è fatto molto grave in italia. L’A.O.   non si fonda sulla corrispondenza involucro e spazio interno ma si fonda sulla realizzazione dell’edificio, basando la ricerca sulla estensione tra interno ed esterno.

UNA COLLABORAZIONE TRA IMPRESA ARCHITETTO INCARICATO E PROGETTISTA

Detto questo durante le fasi di elaborazione di un progetto, che doveva ripercorrere i confini stabiliti dall’architetto Albè per ragioni di regolamento, in realtà non poteva rispettare i codici architetturali precedenti, che furono cambiati. La prima impostazione era legata alle funzioni, dalle funzioni lo spazio interno è stato proiettato verso l’esterno senza il disegno di alcuna facciata.

RECENSIONI SOSPETTE CON SCOPI ABBASTANZA SUBDOLI ED EVIDENTI.

Se notate le recensioni di tripd-avision, sul sito degli alberghi notate il 90% ed oltre di complimenti positivi, con oltre circa 200 recensioni positive. Direi che a distanza di tutti questi anni, è un bel risultato, perchè nelle recensioni ci sono anche i complimenti per l’architettura.

Soltanto un commento si “sospetta” sia  palesemente stato messo li da qualcuno che avendo visto che il progetto è stato ideato anche da me  ha iniziato a “rodere” Probabilmente ha pensato bene di “denigrarlo” paventando una non corrispondenza tra involucro e spazio interno.Ma questa è solo un’ipotesi, non corroborata da dati certi.

La recensione infatti è sospetta perchè sbilanciata sul giudizio architetturale;  si sospetta infatti che qualcuno ha chiesto di scrivere una recensione che non corrisponde alla verità. La sensazione è,… che qualche “soggettucolo” accademico che di recente è stato insultato per l’assenza totale di progettualità organica nella sua vita ha pensato bene di mandare dei sicari, anche questa ipotesi per ora non ha dati, tuttavia è singolare la seconda coincidenza. Diciamo che la terza coincidenza è quella che  ci manca ma la cercheremo.

Gli è andata male perchè il 90% delle recensioni è positivo, rendendo non credibili le espressioni fallaci di un singolo commento “volutamente tendenzioso”. Spiegare questo progetto è semplice visto che lo ho sviluppato io anche nei dettagli architetturali ( ma non esecutivi)

MEDIEVALISMO E CODICI LINGUISTICI DEL PROGETTO.

Il principio era il medievalismo, lo spazio interno che si muove verso l’esterno l’assenza di un progetto di facciata , l’assenza di angoli retti in mappa e lo spazio unitario. Argomenti sufficienti per darne delle caratteristiche organiche almeno al 70%. . Ma nel 2002, ho realizzato un’altra cosa che vi farò vedere fra qualche mese,

welcome hotel legnano

che è molto più “tradizionale” e che contiene elementi di progettazione organica, piuttosto contemporanei, essendo l’edificio privato, non diremo l’indirizzo ed il nome che teniamo ancora nel segreto, perchè come si dice in Italia non è come in America…gentaglia non rispetta la privacy.

C’è in giro gente  che spesso va a  contattare amici e parenti del cliente per convincerlo a fare un progetto con loro, tanta e tale la fame di clienti in questo paese e la presenza di pseudo architetti a caccia di “notorietà” inutile e alla ricerca drammatica del titolo di “archistar”.

Altra caratteristica descritta ma che molti non hanno letto e la ripetiamo, è l’assonanza con il castello di Legnano, in alcune parti dell’edificio ( torrione tondo)  e li mi sono divertito con  della retorica, ma che poi è stata allineata con funzioni ben precise e legate all’acqua. Altre cose le riveleremo in dettagli che sono stati sviluppati e che probabilmente potranno essere sviluppati in futuro.

Alberto Mei Leorbath Rossi. Milano 2017_ progetto a Legnano 2002.