Studi di architettura specializzati in hotel

GLOCAL

Studi di architettura specializzati in Hotel

Chi vi scrive ha vissuto l’esperienza con  gli uffici architetto Willi Ramstein , uno dei massimi esperti della Sheraton di  White Plains ( città degli Stati Uniti nello stato di New York)    Potete scoprire qui la sua biografia  e di cui riportiamo un aggiornamento della biografia che in tale sito non è stata aggiornata da parecchio tempo.

ARCHITETTURA ALBERGHIERA

Aggiornamento dettagliato biografia architetto Ramstein ( Hotel architect) .

Gli studi di architettura specializzati in hotel sono numerosi. Archiram progetti non parla solo di se stesso, ma suggerisce di analizzare quello che google riesce a trovare sul proprio territorio. Consigliabile è la logica Glocal; meglio riferirsi sul  territorio. Tuttavia nell’ottica della progettazione organica, noi ci allacciamo sempre a professionisti sul posto. Per  hotel da 40 camere sono necessari almeno due uffici, sotto le 40 camere non è nemmeno da chiamare albergo ma bed breakfast.

IL METODO

Il nostro metodo, per chi possiede un terreno edificabile per hotel, o una struttura , da vendere , (ma prima occorre dargli una occhiatina), si fonda sull’analisi del contesto. Si fa molto velocemente al volo. Ci sono , infatti alcuni aspetti, da non sottovalutare, in merito alla posizione, sia del terreno che dell’edificio se fosse già costruito. Ma chi ci contatta avrà nel dettaglio, subito , le prime imrpessioni sulla riuscita o meno di una operazione su aree, che possono essere “pulite” o con forte criticità.   L’esempio classico di un area con forte criticità è, un area per hotel o per zona ricettiva , attaccata ad un area per la costruzione di ospedali.Il cliente che si trova, in hotel la sera o arriva , magari sente le sirene delle autolettighe, che sono un servizio necessario e giusto ma l’utente dell’albergo ne trae fastidio tanto da non tornare più nel medesimo albergo.

DIFFERENZE

Altra criticità è l’isolamento dell’area, tuttavia oggi è sempre più difficile trovare piani integrati di intervento su aree  troppo isolate.  Le grandi catene, hanno il potere di riqualificare aree centrali con maggiori capacità economiche. Nella logica di rete, distrubuiscono il flusso clienti, sulla base delle prenotazioni che hanno anche nel loro albo storico ( clienti garantiti ). Tra gli Studi di architettura specializzati in hotel archiram progetti ha sempre lavorato su un metodo individuale, perchè il team alla lunga appiattisce le idee.

LE IDEE DI PROGETTO 

Le configurazioni progettuali si fondano su  archetipi standard:

Modello a torre – Hotel a quadri torre – Sistema a corte – Albergo in linea – Tipologia a cavità centrale – Archetipo  diffuso – Composizione a navata – hotel a doppia navata – Farm hotel – Eat hotel

Tra Studi di architettura specializzati in hotel,Questi modelli di hotel esistono già, basta cercarali, ma è nel progetto che noi inseriamo le novità, ergo nella “scatola businnes”. Il modello di businnes si basa su un leggero sotto dimensionamento del progetto. Ci sono località che possono assorbire anche 100 camere, ma alla luce del dato del bacino di utenza, noi preferiamo, optare per la riduzione  anche del 50, 60% del dimensionamento della struttura. Le perdite saranno molto ridotte.

BREVE STORYTELLING

L’albergo inizia ad ammortizzare il costo dopo il terzo anno.  Il cliente (  L’industriale Calini )   evidenziò il fatto che all’inizio il costo fosse eccessivo  ergo  superiore di 1 milione e mezzo, ma noi avevano calcolato il dato di ammortamento in base al sottodimensionamento che era già previsto per quell’area. L’impostazione fu casuale ma ora ci serve da “paradigma organizzativo”.    Bene , Calini oggi ( aggiornamento articolo al 2021 ) anche dopo la pandemia è contento perchè i guadagni dell’albergo già dal 2009 -10-11 avevano ammortizzato di 3 volte il costo. Il sotto dimensionamento rispetto all’area garantisce sempre l’albergo quasi pieno, le strategie commerciali sapienti del cliente stesso, che aveva chiesto un area Motel, quasi non percettibile , hanno fatto il testo; il modello funzionale è a prova di crisi; l’albergo  welcomehotel.info possiede il carattere della “resilienza” ed è frequentato anche da molti VIP ( andate alla home page e vedrete l’elenco di VIP che ci sono passati – www.welcomehotel.info

CATENA O FUORI CATENA

Tra gli Studi di architettura specializzati in hotel ci sono quelli che gestiscono solo il micro Brand, che è il fuoricatena. Questo  funziona solo in casi molto particolari, dove la concorrenza immediaita è limitata ed i terreni limitrofi non possono essere compromessi. Ad esempio il Welcome Hotel di Legnano che abbiamo progettato nello skyline noi nel 2002 ( https://www.welcomehotel.info) al momento non ha particolari problemi, nonostante sia minacciato dal supermercato Esselunga che ha sventrato mezza città per farsi largo. Come sapete l’architettura dei supermercati è pessima, ma in questo caso, potrebbe addirittura aver migliorato la situazione dell’area, perché viene cosi evitata la presenza di concorrenti sull’area.  Presso  Legnano poi sono stati costruiti altri alberghi ma non all’altezza del  Welcome Hotel. L’albergo è apprezzabile  molto di più dal vivo, tanto che il passaparola ormai si è diffuso in tutta Italia. Ormai è una meta preferita da molti viaggiatori, tanto che il prezzo delle camere si è elevato in modo consistente.

studi di architettura specializzati in hotel
studi di architettura specializzati in hotel

DA GESTIONE FAMIGLIARE A  CATENA

La novità di quell’hotel gestito dall’ amico  Calini che ne è il proprietario e nostro cliente  è anche il modello di businness. Il sottodimensionamento e l’organizzazione in  Motel+suitte+fitness+conference room+restaurant+bar caffetteria street, consente su quel terreno di non avere la necessità di agganciarsi a catene. Infatti il Welcome altro non è che il modello per una nuova catena alberghiera. che può dominare come modello matematico di business e modello architettonico.  Il punto è che la progettazione fatta in quel modo, cosi originale, non è fattibile dalla maggior parte degli studi di architettura perché il suo progettista, lavora individualmente. Egli si è basato anche sull’esperienza di collaborazione con un vecchio esperto di hotel della Sheraton. Molti di coloro che  ancora oggi progettano  hotel dall’aspetto “innovativo” , non fanno i conti con il contesto, tanto che quel tipo di strutture poi “invecchiano precocemente”, mentre questo hotel ripesca il principio della torre medievale che fa riferimento al castello di Legnano.

CONFRONTO TRA CATENA E MODELLO LIBERO

La configurazione che strizza l’occhio al castello medievale di Legnano di Welcome Hotel gli conferisce un disegno unico, tanto da potere stare fuori dalle catene. Il modello serviva per l’attivazione di una catena.  Non si esclude che questa idea possa manifestarsi nel breve periodo. Ci sono catene , strutturate su un massimo di 50 camere come la catena Logis, che tuttavia non ha originalità architetturale. Tutto non emerge da un progetto ma nasce solo come ,  turbo-capitalismo sterile. La catena ha successo ma non perché la qualità architettonica è alta ma perché c’è una organizzazione legata ad investimenti di natura diversa. In ogni caso la catena Logis è una ottima catena.

IL PROGETTO MFH

Se entrate nel sito della catena Logis, non trovate nessun edificio ma solo una interfaccia di accoglienza, questa è la limitazione di questo tipo di catene.  Il valore dei luoghi è appiattito da una interfaccia uguale per tutti. Invece il Welcome hotel che può anche diventare catena, ha nel suo aspetto il carattere portante, aspetto che è evidente  anche a partire dal sito internet.  A breve  vi faremo vedere un nuovo progetto il MILLENNIUM  FLY  HOTEL  MFH. Il modello MFH ha delle caratteristiche inedite  che non sono mai apparse in nessun edificio ed in nessuno degli studi di architettura specializzati in hotel, che ci sono in Italia.  Il carattere della NFT Not Fungibility Token,  fondato sui valori architettonici più che di criptografia contgradistingue, la prossima fase di nuove realizzazioni…-STAY TUNED

Riferimenti specifici https://www.archiram.com/2017/04/14/welcome-hotel-legnano-un-edificio-progettato/

Milano, a cura di https://www.albertomeirossi.com

 

Cenni biografici architetto Ramstein e una delle ultime passeggiate a discorrere di progettazione presso la città di Vigevano.

L’Architetto Willi Ramstein, nasce a San Gallo nel 1939, si laurea in architettura alla scuola di Ulm nel 1963. La scuola di Ulm fu il distaccamento ufficiale del Bauhaus di Gropius, per indenderci.

Dopo la laurea cura l’ampliamento della scuola progettato da Max Bill.
Nel 1964 progetta per la società ALUSUISSE di Zurigo abitazioni sperimentali in alluminio e plastica, costruite a Singen nel 1966.
Completata la scuola di Ulm, con Thomas Maldonado, Gino Valle e Herbert Ohl viene incaricato dalla Rinascente di Milano, di progettare la sede di San Siro. Nel 1970 è consulente per la ALCAN di Montreal, planning development building industry.
Nel 1974 realizza numerosi progetti di design per la Bayer nell’ambito del ciclo VISIONA. Dopo il 1974 si specializza in tensostrutture e apre lo studio TENSOSPORT e realizza alcune piscine comunali coperte tra cui quelle di Arcore (Milano), Alatri, Paderno Dugnano, Taormina.

Dal 1983 si specializza nel campo alberghiero e collabora con il gruppo Sheraton per il quale realizza numerosi Hotel come lo Sheraton Hotel di Catania e il Nicolaus Sheraton di Bari.
Nel 1993 inizia la collaborazione il designer Alberto Mei Rossi come assistente all’ufficio
presso la casa rotonda alla Sforzesca di Vigevano, qui iniziano a discutere di artcraft architettura ed arte e si imbattono nell’idea di portare a Vigevano la città della musica presso il Colombarone di Vigevano. Mei Rossi collabora ed impara l’arte di progettare gli alberghi.
Negli anni successivi Mei Rossi collabora con altri uffici e nel 1998 Pubblica nell’ambito della
collaborazione con l’ufficio Ramstein che conosce nel 1992 sin dai tempi dello studio in via Soperga
a Milano, un progetto sul castello di Vigevano per implementare un parco archeologico legato a Leonardo da Vinci.
Nel 2000 progetta con Mei Rossi l’insediamento residenziale di Como Camerlata composto da 300 appartamenti un multisala cinema e un centro commerciale Esselunga

Tra il 2005 ed il 2007 propone per il Colombarone di Vigevano dall’ufficio della casa rotonda
l’idea del museo del cibo in collaborazione con TEATRO 7 DI Rico Guarnieri; Mei Rossi è uno degli
assistenti al progetto. Mei Rossi poi pubblica una versione potenziata del progetto implementando
il Colombarone dell’idea del museo del codice atlantico. Successivamente nel 2009 inizia un dibattito
con il Pubblicitario Giovanni Zullo di Milano che faceva parte dell’entourage delle conoscenze
di Willi Ramstein. Willi Ramstein propone poi un progetto per potenziare i parcheggi alla stazione di
Vigevano; il progetto del museo dei cibo e del parcheggio è attualmente sia nell’archivio di Willi Ramstein che nell’archivio digitale di Mei Rossi.
La progettazione economica ed ingegneristica dei progetti fu affidata alla PROCOCI ENGINEERING DI COMO.

Nel 2014 la collaborazione di Willi Ramstein con Mei Rossi si esaurisce. Mei Rossi raccoglie un bagaglio di esperienza praticantato e capacità deduttiva di progetti , realizzando tra il 2002 ed il 2008 un hotel a Legnano…che potete visitare qui https://www.welcomehotel.info.

Mei Rossi ricorda un architetto con una conoscenza di tutti i fenomeni culturali tra arte psicologia para psicologia e spiritualità; un architetto che curava letture di alto livello cognitivo, appassionato di Umberto Eco, e di tutta la cultura storica italiana. Cultore di cibo e buone birre specie la birra medievale Leffe. Aneddoto.

Ricordo che prima della nomina di expo 2015, che riguardava proprio il cibo, gli citai
il cinquecentenario della scomparsa di Leonardo da Vinci e che avremmo dovuto fare qualche progetto
in tal senso, lui guardò verso la luce della porta della cucina e prese un sorso di Birra rimanendo in silenzio. Scomparve proprio nel 2019, in una notte di mezza estate presso Vigevano. Mei Rossi.

 

 

 

 

 

error: Contenuto protetto furbacchione